Gastronomia, Tradizioni

Confetture di pomodoro, un costume salentino d’altri tempi

Pomodorini
Pomodorini

Si dice che il cibo dei nostri nonni fosse più sano di quello che consumiamo oggi e forse è parzialmente vero, ma quanto sacrificio comportassero alcune tradizioni culinarie in termini di lavoro e impegno non viene mai detto. Eppure il ricordo dei profumi di tempi andati resta nelle narici e alimenta il gusto forte di quelle ricette che la cultura del fast food ha reso fuori moda.

Come la salsa fatta in casa, che nel Salento, è una saga familiare, sono braccia laboriose che come le formiche lavorano all’unisono con un sopito piacere di socialità: una o due settimane di passione per preparare il denso succo rosso e imbottigliarlo, in un’officina domestica all’aperto, nell’aia o cortile di casa, in quantità sufficiente per sfamare una famiglia allargata per un anno, una collettività fatta di zie zitelle, nonni e nipotini, anche piccoli, tutti con compiti ben ripartiti in una sorta di par condicio d’altri tempi, per non scontentare – si fa per dire – nessuno.
Continua a leggere “Confetture di pomodoro, un costume salentino d’altri tempi”