Scrivere il Salento

U furese te Malassanu

"L'attesa", acquaforte(Pasquale Urso)
“L’attesa”, acquaforte(Pasquale Urso)

Le sorprese appaiono quando meno te le aspetti… e d’altronde non è forse questa la loro più evidente caratteristica? Non appaiono forse più gradite per questo? Come questa poesia, quando l’ho letta per la prima volta, ieri sul nostro Forum, è stato un crescendo di stupore man mano che procedevo nella lettura.

Franco Manni, il suo autore, ha tracciato nelle poche righe di questo racconto in versi, i tratti di un personaggio, meglio di una civiltà contadina che sembra far capolino dal passato, o per meglio dire da un presente che è oramai avviato definitivamente sulla via del tramonto. Un tramonto inarrestabile purtroppo, un inevitabile sacrificio sull’altare di un progresso che crea disagio alla nostra cultura, un disagio che, seppure in extremis, la nostra comunità sta tenacemente cercando di guarire. Si tratta di uno scontro immane, una battaglia che, seppure combattuta ad armi impari, val pur sempre la pena di combattere.

Difendiamo la nostra cultura quindi, la cultura salentina e i suoi più creativi artigiani, e con questo ringraziamo Marcello Gaballo, un omonimo del nostro coautore, che ci ha aiutato a scoprire questo abile cesellatore del nostro dialetto; buona lettura.

E’ proprio vero che spostandosi da un paese all’altro le parole cambiano e nell’attesa di capire la ragione vi propongo una simpatica poesia scritta dal mio compaesano Franco Manni dal titolo “U furese te Malassanu” (Marcello Gaballo):

Ieu su de Malassanu e fazzu lu furese
alla mmane me azzu mprima e ba faticu a fore.
Alla vespare,dopu ca aggiu zate e frese
inchiu a cascetta e la mintu a su u motore
e cu bisciu ci va binnu a ngiru me ne vau,
mo’ do cicore, do rape, do lacci, o do scalore.
ci taggiu dire u giustu, caru cumpare Ciau,
(Ciau diminuitivo di Sebastiano) a sciurnata bona me esse,
senza tante parole.
Pero’ l’addhru giurnu u sai ci aggiu ccappatu?
Invece tu motore,siccome bone n’era cote,
dieci casce te “milonce”sull’apu aggiu caricatu,
e sapennu ca era festa, a racale su banutu!
“milonce,milonce”, a gente me guardava
ma nu tronu ci na fimmana cu ccatta se bicinava
Brafatu…. va scurisce, c’era fare cumpare?
Misi mmotu all’apu e a casa ziccai a turnare
mo’, comu la spieghi sta cosa,tie ca te racale sinti
nu be piace lu fruttu, o l’aggiu binnire a dieci invece te vinti?
Aje te dhru giurnu ca nu me capacitu,
o su fessa ieu o siti ui racalini ca dati all’ acidu.
Cumpare ‘Ntoni, comu dice lu pruverbiu,
quannu cunti tocca te spieghi,
nu nnhai dire “cozze pe caz…”
a Racale e “milonce” se chiamane “cummarazzi”.

U furese te Malassanu” fa parte di una raccolta di poesie edita a Racale (LE) da Tipografia Eraclea, nel marzo 2009 dal titolo: “fiju meu…addrhu sta sciati?“.

//

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...