Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for dicembre 2009

di Daniela Bacca

Lecce

Lecce, Campanile del Duomo (ph. Gianfranco Budano)

Lecce dicembrina sprigiona, fin dall’antichità, inediti e mediterranei profumi e costumi, grazie al fascino di particolari tradizioni sociali ed artistiche, ammalianti riti liturgici e gastronomici, originali atmosfere di festa ed intimità.

Vivere, conoscere e passeggiare dentro i suoi sentieri barocchi invernali, significa farsi avvolgere dal caldo dell’ospitalità locale, tessuta di pietre storiche, botteghe artigianali di cartapesta, luminarie colorate, presepi tradizionali, dolciumi e prodotti del forno natalizi, tele di Natività. (altro…)

Read Full Post »

di Francesco Lacarbonara

Murge Sud-Orientali

Murge Sud-Orientali

Cos’hanno in comune una quercia maestosa, un simpatico geco e una piccola, ma robusta, pianta tipica della flora pugliese? Nulla, all’apparenza. Ma a guardar bene si scopre che così non è. (altro…)

Read Full Post »

di Sandro Montinaro

Carpignano Salentino, 1709-2009:
La tela della Madonna di Costantinopoli tra restauro e conservazione,
chiesa parrocchiale, 20 dicembre 2009

Nell’ambito delle celebrazioni dei Trecento anni della chiesa parrocchiale di Carpignano Sal. (1709-2009) il gruppo “Olim Ecclesia Carpiniani A.D. 2009” vi invita a partecipare, sabato 19 dicembre 2009 alle ore 19.00, presso la chiesa matrice Assunzione di Maria Vergine, al quarto appuntamento culturale. (altro…)

Read Full Post »

Pasquale Urso (acquaforte)

Pasquale Urso (acquaforte)

Chi riesce a coniugare presente e futuro, fondendoli in una passione produttiva per le arti, per la letteratura e per la storia, non si è lasciato sfuggire, in questi giorni, una notizia fondamentale che rappresenta una novità epocale nel modo di veicolare la cultura nel terzo millennio: si chiama iTunes U, ovvero registrazioni in audio o in video di lezioni, messe a disposizione on line dalle istituzioni che le producono per i propri studenti, che possono così riascoltarle tramite gli ormai diffusissimi iPod. Gli americani lo definiscono education-mobile learning, letteralmente studiare muovendosi, ovunque ci si trovi, nella sostanza lo si può fare in autobus mentre si va a scuola, o mentre si viaggia o nel traffico mentre si va al lavoro. Riporto alcuni stralci da diverse testate che hanno trattato l’argomento: (altro…)

Read Full Post »

Addobbo natalizio nell'anfiteatro leccese

Aria di Natale nell'anfiteatro leccese (foto Gianfranco Budano)

Secondo la tradizione dopo il giorno di Santa Lucia (13 dic.), le famiglie si davano un gran da fare per addobbare l’albero di Natale e costruire il presepe.

Il Natale era una festa molto sentita in ambito familiare, un giorno particolare non solo per il fatto religioso in sé ma proprio perché era l’occasione per stare insieme lontani dalle fatiche e dagli impegni quotidiani. Quel senso di calore, di vicinanza e di famiglia rendeva la festa molto speciale ed era proprio in occasione di essa che pure la tavola si vestiva a festa imbandendola di quelle prelibatezze che nel corso dell’anno erano economicamente quasi proibite. I dolci, cartellate e struffuli col miele e gli anesini, il baccalà, gli spaghetti con le alici, le rape ‘nfucate (ossia cotte nell’olio fatto), le pittule e così via, caratterizzavano il cenone della vigilia. (altro…)

Read Full Post »

L’olio tra coltura e paesaggio

Love to love

Ulivo salentino (foto Gianfranco Budano)

Dal punto di vista storico sono stati i Saraceni ad occuparsi intensamente dell’olivicoltura in terra salentina, secondo quanto attestato da Bonaventura da Lama, il quale, nel 1724, fa riferimento ai fatti avvenuti tra il 769 ed il 963, un arco temporale in cui l’area oggi denominata Salento venne popolata da boschi di ulivi; si devono ai Saraceni anche l’introduzione del torchio per la produzione di olio e la coltivazione della varietà Cellina. (altro…)

Read Full Post »

di Daniela Bacca

Gesù Bambino delle mani, Pinturicchio, 1492

La vita, il carisma ed il messaggio di Gesù sono scritti nelle sue mani, che si rivelano gesto, linguaggio e simbolo della sua e nostra storia divina ed umana.

Tanti e diversi sono gli eventi descritti nel Vangelo in cui il Messia agisce, parla ed  interviene con le proprie mani per guarire gli ammalati, proteggere e rassicurare la gente, e farsi riconoscere Risorto mostrando i segni dei chiodi.

Nell’iconografia cristiana, con la raffigurazione ed il culto di Gesù Bambino, le manine del piccolo “Figlio dell’uomoparlano della sua natura di bimbo, di regalità, di profezia e di divinità. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: