Cultura salentina

Il Regio Liceo-Ginnasio F. Capece di Maglie. Ricerche e studi

Quaderni del Liceo F. Capece di Maglie

In questo mese di febbraio, un saggio dal titolo La figura di Francesca Capece e l’origine dell’istruzione pubblica a Maglie a firma di Cosimo Giannuzzi e Vincenzo D’Aurelio ha trovato accoglimento nei “Quaderni del Liceo” Capece, prestigiosa e storica rivista ritornata in stampa dopo anni di silenzio e edita dallo stesso istituto magliese. Il saggio fa parte di una monografia sul tema “Il Regio Liceo-Ginnasio F. Capece di Maglie: ricerche e studi” (1) curata dal prof. Vito Papa, preside dell’Istituto, autore anche di un pregevole contributo dal titolo Centralità culturale e rappresentatività politica nel periodo fascista: il Regio Liceo Ginnasio Francesca Capece di Maglie. Il Papa ripercorre in questo suo scritto la storia del processo di “fascistizzazione” del prestigioso istituto magliese acquisendo le notizie direttamente dalle fonti scolastiche del periodo ossia dai documenti (circolari, consigli, direttive ecc.) ancora oggi conservati nell’archivio scolastico.

Si tratta di un vero e proprio percorso storico che s’inserisce legittimamente nella corrente di studi storici che vedono la Scuola protagonista e che, per l’appunto, costituiscono una “Storia della scuola” costruita sullo «sfruttamento dei suoi archivi». Della stessa raccolta di studi e ricerche sul tema fa parte un interessante contributo del prof. Massimo Bini dal titolo Fascismo e Guerra nei temi d’italiano, nel quale l’autore raccoglie e compendia alcune tracce di temi assegnate agli studenti-convittori dell’istituto negli anni 1939-1944. Il contributo di Giannuzzi e D’Aurelio, invece, muove dal bisogno di compiere un’attenta, e per certi versi nuova, riflessione sulla figura di F. Capece e sulle vicende che l’hanno vista fondatrice e benefattrice del Liceo Ginnasio di Maglie.

Nel 2000, in occasione del centenario dell’inaugurazione del monumento a F. Capece, ubicato nella piazza A. Moro di Maglie, un articolo di Cosimo Giannuzzi, noto sociologo e studioso magliese, aveva trovato accoglienza nella “Gazzetta del Mezzogiorno”(2). Perseverando nella volontà di approfondire le conoscenze su questa fondamentale figura magliese e per la forte sollecitazione ricevuta dal coautore Vincenzo D’Aurelio, la cui competenza e serietà negli studi sta emergendo  in numerose direzioni, ha dato vita a una ricerca che, nella prefazione di Dario M. Vincenti presidente della S.S.P. Puglia di Maglie-Tuglie-Otranto, «ha completamente ribaltato le precedenti informazioni», sin ad oggi ritenute inamovibili, circa la dimensione culturale e intellettuale della stessa benefattrice.

Nel suo discorso di presentazione, il Giannuzzi riferisce che «il ritrovamento di un documento di grande interesse riguardante la duchessa, […] ha provocato in noi sorpresa e compiacimento.  Si tratta di un testo teatrale che ci ha offerto l’occasione di riconsiderare la figura della Duchessa ed anche le vicende storiche e personali che stanno alla base della scelta di donare le sue proprietà alla città di Maglie per la nascita di una scuola pubblica. Era forte in noi il dubbio sul giudizio espresso in numerose pubblicazioni da coloro che hanno ricostruito la sua figura e le sue scelte nella donazione. Questo giudizio riguarda una sua scarsa preparazione culturale, anzi per essere più precisi, è stato scritto che era una donna incolta. Non sono del tutto chiari i motivi di questa evidente diminutio personae.  Sulla base di alcuni elementi, noi abbiamo invece maturato la convinzione che questo giudizio poggiava su una conoscenza parziale o indiretta. Il testo teatrale, di natura comica (ovvero una farsa), è stato dall’autore Vettor Cornér dedicato a Francesca Capece, allora trentenne. Denominato Il Cieco, questo testo è stato da noi ritrovato nel corso di ricerche, in una raccolta veneziana ottocentesca, dal titolo “Il Teatro Moderno Applaudito” e conservato presso l’Accademia dei Filodrammatici di Milano. […] Con questo ritrovamento si aggiunge una tessera al mosaico biografico di F. Capece e, aspetto non secondario, si può proporre un esito differente all’interrogativo sulle sue effettive competenze culturali, non certamente marginale se tutti i biografi l’hanno sottolineato, sia pure con diverse sfumature, accogliendolo come indubitabile. E’ evidente che non si dedica un’opera intellettuale ad una persona incolta, se non altro perché essa non avrebbe avuto modo di valutarla; oggi dunque, anche grazie a questo ritrovamento, abbiamo ragione di ritenere che F. Capece apprezzò la dedica, anzi è attestato che salvò l’opera da un possibile smarrimento facendola rappresentare a Venezia dalla compagnia del capo-comico Antonio Goldoni. Questa proposta di variazione nel giudizio, unita al dato incontestabile che la nobildonna ha avuto in casa un importante precettore, Francesco Saverio de Rinaldis, possono davvero riformulare la visione storica della nostra benefattrice e dell’ambiente sociale nel quale essa ha vissuto».

Certamente, concludono gli stessi autori, tutto ciò non potrà bastare a modificare del tutto la valutazione rigida che è stata data dai biografi sul alcune qualità di F. Capece riguardanti la sua istruzione e la cultura o particolari sentimenti quali l’insicurezza e l’incertezza che paricolarmente la caratterizzarono nel momento in cui decise di assegnare tutte le sue sostanze ai Gesuiti.

  1. Il Regio Liceo-Ginnasio F. Capece di Maglie. Ricerche e studi, Edizione monografica dei «Quaderni del Liceo» a cura di Vito Papa con una prefazione di Dario Massimiliano Vincenti, Ed. Liceo Capece, Maglie X(2009).
  2. La città che deve molte delle sue fortune a Francesca Capece, celebra l’inaugurazione del monumento (29 luglio 1900).  I primi cento anni della vecchia signora, in «La Gazzetta del Mezzogiorno», 24 luglio 2000, p. 28.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...