Cultura salentina

Cercando le Caremme (2)

Caremma salentina

A Caremma pizzicotta, face u casu e la ricotta
e li face scusi, scusi cu nu lla vitine i carusi,
e li face chianu chianu, cu nu lla vite u guardianu.

A Gallipoli la Caremma è la madre “te lu Titoru” (la maschera locale che muore per le gozzoviglie del martedì grasso), a Martina Franca è la “Quarantena”, riempita di dolci e frutta per la gioia dei bambini, ad Oria è la “Quaremma”, che ha come “corredo” anche una bottiglietta d’olio (per alimentare la lampada che le consentirà di continuare a lavorare di notte), una d’aceto (a simboleggiare la ristrettezza economica) e 7 fichi secchi o taralli oltre al fuso. Nel centro Italia è la “Quaresima delle sette piume” mentre nel nord Italia è la “vecchia di Mezzaquaresima”. Nel Veneto si usa fare il “rogo dela vècia”.

A Maglie fino allo scorso anno le Caremme mi tenevano compagnia ogni mattina mentre andavo al lavoro. Quest’anno non se ne vedono. A Parabita una gentile signora  mi rincuorava dicendomi che secondo tradizione “se fai la Caremma una volta poi la devi fare per sette anni”, quindi “dovrebbero essercene in giro, visto che l’anno scorso c’erano”.

Caremma salentina

A Tuglie, il “paese delle Caremme”, finalmente, ne ho trovate alcune. Più “moderne”, colorate, più vicine allo spirito del Carnevale che a quello della Quaresima.

Una signora anziana che mi osservava divertita mentre guardavo per aria, convinta che  mi fossi persa, quando mi sono avvicinata dicendo invece che “cercavo le Caremme”, mi ha guardato con un sorriso pieno di tenerezza. “Comu le piccinne“, ha poi commentato, senza aggiungere altro, quasi a volermi dire che stavo parlando di qualcosa di ormai molto lontano.

Forse, e lo spero vivamente, non ho cercato bene o abbastanza. Forse le persone giuste a cui chiederlo in quel momento non erano per strada, erano impegnate e non hanno potuto aiutarmi. Forse le esporranno l’anno prossimo :-).

6 pensieri su “Cercando le Caremme (2)”

  1. In questi giorni ne ho viste due: una a Gallipoli, sostenuta da un filo, appesa al cenro della strada, tra due balconi, ed un’altra a Sternatia, sull’angolo di una casetta. Vorrei contarne almeno sette, come le penne dell’arancia 🙂

    "Mi piace"

  2. Purtroppo di anno in anno la situazione in alcuni paesi è cambiata, in maniera anche inaspettata e drastica… A me piace molto questa tradizione, vorrei non scomparisse del tutto… per questo voglio ringraziarvi di cuore per le vostre segnalazioni nel “censimento Caremme 2010” 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...