Gastronomia, Poesia, Tradizioni

A carteddhàta (poesia)

di Pippi Toma

cartellata

A carteddhàta

Nu sprùni e … zig-zag! a carteddhàta,
vene tajata sùsu a mattra-banca
o sùsu ‘llu taulièri a ci li manca,
e poi girata a rosa e pizzacàta,
ca ‘lla frittura ha rumanìre jànca,
cruccante comu n’ostia mozzacàta,
e mintènnula a mita va mpuggìata
sùsu nu piattu spasu cu se branca
pe vinìre nfucata nnanti-rrèta,
intru ‘llu mele can ù face male,
-‘lli fiji ttocca tici: quètu! quèta!-
tantu ète lu ngùlu t’u vangale
pe’ stu frittu ca sàpe te cupeta
e ca se manca nù pare NATALE.

——————————————
La cartellata

Zig-zag e il girellino, o ruota dentata, taglia/ la cartellata dalla sfoglia sul piano della madia/ o, per chi ne è sprovvisto, sulla spianatoia/ ripiegandola a forma di rosa pizzicandone i bordi/ che, fritta, deve risultare di color chiaro/ e, al dente, croccante come sono le ostie,/ poi poggiata ad una ad una sulle altre / su di un piatto piano e facile a prendersi / per essere tuffata, prima da un lato e / poi dall’altro, in abbondante e caldo miele; / -e ai figli devi dire: fermi, non toccate!- / tanta è la loro golosità di mangiarla / perché questa frittura, in effetti, è un dolce / esclusivo per festeggiare NATALE.

1 pensiero su “A carteddhàta (poesia)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...