Personaggi

Don Tonino Bello e don Riboldi

Mons. Tonino Bello

Era un poeta, era uno scopritore di stelle. Ma era, soprattutto,  un santo,  e i santi sono  rari, sono persone che  portano sulle spalle anche le nostri croci, ma con gioia, con un amore illimitato, a prova di tutto, i santi sono  i giullari di Dio, come San Francesco d’Assisi,  che portano un soffio di speranza  sulla salvezza dell’uomo, nonostante tutto.

Mi vengono in mente queste parole  di  don Riboldi,  in quel pomeriggio d’aprile di tanti anni fa, a Taviano, città dei fiori,  quando venne il vescovo lombardo, con tanto di scorta (era per antonomasia  il prete-antimafia, che aveva osato accusare dal pulpito la camorra napoletana di tutte  le violenze, il sangue, la ferocia, le stragi, lo strazio infinito, la morte  della speranza, le infamie più immonde, era colui che aveva negato la comunione a  uno di loro, che aveva fatto crociate, processioni per le strade  di Acerra, che aveva bandito, esiliato tutti i collaboratori occulti della mafia, che aveva spronato i pavidi e i timidi a unirsi tutti insieme alla lotta, un prete con la fede e con le palle che aveva osato sfidare la mafia, che aveva – già anni prima – sposato la causa meridionale, per amore, solo per amore.

Era venuto a Taviano due o tre anni dopo  la morte di Don Tonino (eravamo nel 1995, o nel 1996), e Lui era venuto nel Salento  per onorarlo, ma anche per portare testimonianza, per dire a chiare note  con la sua voce robusta, tonante, vibrante, che don Tonino era la purezza della vita librata sul mondo, uno di quei doni che il Padre Eeterno elargisce una volta ogni secolo, e che noi spesso non ce ne accorgiamo, non vediamo, non ascoltiamo, rimanendo prigionieri nella sfera angosciosa del nostro nulla (il posto di lavoro, la casa, i soldi in banca, le cose da esibire, la nostra falsa tranquillità, la nostra falsa sicurezza, sempre ben chiusi nel bunker che è il nostro cuore, un lago di indifferenza)

Don Tonino era stato ed era ancora  lì dove si raccolgono tutte le ansie le pene le ingiustizie le umiliazioni, le sconfitte, le macerazioni, le disperazioni, dove tutte le passioni della terra si uniscono per far trionfare la giustizia, la pace, la solidarietà, il bene comune, e diventano carezza di voce, tenerezza, rinascita.

Lui solo,  Tonino da Alessano, era il vero grande cuore, la grande anima, la speranza Salentina, e da lui bisognava iniziare ogni progetto, ogni costruzione affinchè il Salento diventasse davvero quell’ arco di pace  e di solidarietà di cui aveva sempre parlato.  Tonino è  già  santo,  non c‘è bisogno di  alcun processo,di alcuna  causa di beatificazione per  averne conferma. Dai numeri alterni, dalla danza perenne di nascite e morti, da celesti città di sabbia o infernali città di fuoco, da imperio e servitù, da inedia e opulenza, da grazia e venustà, da asprezza e calma, dalle dominazioni  di secoli su una terra che vomita morti, dal profondo Salento, quello del Capo, a poche miglia da Leuca finibus terrae, era nato lui, Tonino Bello, terzo figlio di una famiglia poverissima. Lui era miele di miele, sostanza di sostanza, essenza di essenza, l’amore che aiuta a vivere e a sperare, ma anche un prigioniero nella sfera delle nostre piccolezze, abitudini, indifferenze, grigiore;  era venuto a scuotere, a far crollare le nostre sicurezze, le nostre certezze  con le parole del Vangelo, parole che fanno sempre male per chi non conosce l’umiltà di cuore. Tra fuori e dentro, tra l’altro e noi, tra l’istinto animale  e il collegamento divino, s’infiltrava lui come una passione senza limiti, senza  confini, senza spazi, ed era accettato da giovani, dai poveri, dai diseredati, dai drop out, dagli ultimi, combattuto dagli altri, dai potenti, dai benpensanti, dalle istituzioni, e, talora,  dai suoi stessi confratelli. Lui era l’altrove.

Lacrime per il fratello vescovo

Don Tonino Bello, il  fratello vescovo, il profeta della chiesa del grembiule, l’uomo tutto evangelico, le cui spoglie mortali si trovano nel cimitero di Alessano, nella sua piccola patria natìa, in quel recinto della febbre e della polvere dove per mille anni  il nascere  fu spento, e del perire non ci fu traccia; ora c’è lui, Tonino riposa lì,  dove  suo fratello Trifone ha  piantato un ulivo che fa ombra e musica  sulla pietra tombale, e  poi ha costruito un arco di pace, in pietra viva, che guarda a oriente. E tutt’intorno  ha disposto i bianchi gradini, che sanno di eternità silenzio e preghiera; un piccolo sacrario dove molte  persone s’adunano  per un saluto, un’orazione, una meditazione, un lieve bacio  un sospiro nell’orlo della luce, spargendo  profumi di  nostalgiche memorie.

A pregare su quella tomba  c’era stato anche lui, Riboldi ed era venuto nudo, come il più nudo dei misteri (via i paramenti, via la scorta, via il seguito religioso e civile, via le voci, i suoni, le immagini, le parole). E stava lì in silenzio  a delirare  coi suoi ricordi, lui e l’amico  insieme sulla croce, o nella sua casa di Milano, insieme a pregare con vibranti parole mute, ma anche a scherzare, a sorridere impacciati davanti al Cardinale Martini; era lì  a risvegliare l’amico verso il profilo della sua reincarnazione, sotto i flutti dell’oscurità della prima alba, a piangere umilmente, sì, ora piangeva e con lacrime che facevano laghi sulla pietra intatta, a mormorare  frasi alla sbiadita luna  come un errante pastore dell’Asia.

Riboldi  aveva poi offerto le proprio testimonianze sulla figura del  vescovo di Molfetta, venerato in tutta la  Puglia come un santo da migliaia e migliaia di persone (perfino dal Governatore  Vendola quando parla di lui s’accende, s’illumina, arde, brilla), che custodiscono come preziose reliquie i suoi ultimi sguardi, le sue ultime parole di  poeta di Dio:

Che cosa faranno gli alberi stanotte, quando suoneranno a stormo le campane? Come reagirà il mare che brontola sotto la scogliera, all’annuncio della risurrezione?… L’angelo farà fremere le porte dei postriboli? E le montagne danzeranno di  gioia attorno alle convalli?…Non c’è amarezza umana che non si stemperi in sorriso. Non c’è peccato che non trovi redenzione. Non c’è sepolcro la cui pietra non sia provvisoria sulla sua imboccatura. Anche le gramaglie più nere trascolorano negli abiti della gioia. Le rapsodie più tragiche accennano ai primi passi di danza. E gli  ultimi accordi delle cantilene funebri contengono già i motivi festosi dell’ alleluja  pasquale.

Leggi la prima parte

Annunci

2 pensieri riguardo “Don Tonino Bello e don Riboldi”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...