Gastronomia, Poesia, Scrittori salentini, Scrivere il Salento, Tradizioni

Lu strùffulu

d

Lu strùffulu

U struffùlu ncumincia prima ‘nnasca
cu mpuzzùna t’òiu fattu la cucina,
ci nù tene cantùne a pija ‘n tasca
friscènnu a lu focu fina-fina
na scorza te portacàllu, pe la nasca,
cu nù senta sapùre te sintìna
quannu lu mangia a tòrtanu, -ssettàtu
a la taulàta grande te Natale-,
e cu bbìa te sùsu nu muscàtu
te ùa te vigna, te qhiddha speciale,
-ùtu pe disòbblicu-, ricalàtu
pe nù favòre fattu te zinzàle;
ma se sapìa quantu te fatica
ddha calàta li custa a la mujere,
-ca, sana-sana a vèspera la ntrica
cu mpasta, scana, tàja ‘llu taulìeri
ddhi mille struffulèddhi, ‘ppoi ‘lli friscia-,
a ìddha li tuzzàva lu bicchieri
pe brìndare, cu core nnamuratu,
ca quista e l’autre cose, tutte mparu,
-chiamate tradizioni- ha tramandàtu
E ca ‘lla vita llèane lu maru!
E ntàntu mangi ftirru mprofumàtu
ca poi nunn’è custatu tantu caru
se penzi a tuttu quiddhu c’hai ccattàtu:
farina, oju, àlcool, mmuniàca,
u tiempu ca lu gas stave ddumàtu
su’ spese ca supporta ògne pata,
se puru nc’è na fimmana ca à jutàtu
cu lu cuntare ca lu tiempu mmàca.
E poi la stessa sira, tutta sula,
a fimmana te casa se lu ggiùsta
a tòrtanu, a taràddhu, a cuddhùra:
scrummànnu l’anisìni t’intru a busta,
cannella fatta a prule – cu misura –
e mele ‘nchìnu quantu custa-custa,
e mèndule te pignu pe decòru
tuttu sparpàja sùsu: sti culuri
a l’òcchiu prèsciu a ‘llu nasu ndòru
li quardu e te piace cu ddimùri,
penzi ‘llòra – ète curuna t’alloru
pe iddha – e te tici: “che duri!”.
(Pippi Toma, Maglie 2010)

———————————————-

Lo struffolo

Lo struffolo prima di nascere fa puzzare/ di frittura la cucina sprovvista di camino/ perché prima si frigge una sottile buccia d’arancia/ per smorzare il gusto di sentina dovuto all’olio/ quando si mangiano tagliati dal tòrtano/ -seduti insieme alla tavolata di Natale-,/ e si beve un bicchiere di vino moscato/ di uva pregiata di vigneto padronale/ ricevuto in dono quale disobbligo/ e ricompensa per una intermediazione;/ ma se si tenesse conto del lavoro che è toccato/ alla moglie per fare quel prelibato boccone/ – che per un intero pomeriggio e sino a sera/ ha dovuto impastare, spianare/ la pasta, ridurla in sottili bastoncini,/ tagliarli in mille piccoli pezzettini/ sulla spianatoia per poi friggerli-,/ alzando il bicchiere, a lei brinderebbe/ con cuore innamorato per la costanza/ di mantenere salda quella tradizione/ che tramanda, assieme a tutte le altre, / le quali leniscono le asprezze della vita./ Intanto si mangia frittura profumata/ che poi è stata di un costo contenuto/ se si valutano gli ingredienti acquistati:/ farina, olio, alcool, ammoniaca,/ il consumo del gas per il tempo della frittura, / sono spese che può concedersi ogni tasca/ anche se si aggiunge quella dell’eventuale/ aiuto di una donna che col suo ciarlare/ non fa notare il tempo che passa./ Poi, giunta la sera, la moglie da sola provvede/ a mettere nel piatto gli struffoli disponendoli a tortano/ o ciambella spargendovi sopra gli anisini tolti dalla busta,/ la polvere di cannella, con moderazione, / e miele in quantità senza risparmio di spesa/ e ancora pinoli come ulteriore decoro del tutto;/ e cos’, guardando ammirato quell’allegria di colori/ e percependo il profumo ti piace soffermarti e pensare/ che sembra essere una corona d’alloro per lei/ e ti auguri che ciò possa durare senza tramonto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...