Poesia

Storia de ‘nu ‘nziddru

© Stefano Cacciatore

‘U vidi ddru ‘nziddru ‘mpisu
a quiru fiuru piccinnu jancu e giallu?
Ddru ‘nziddru ca luce comu l’oru allu sule
tocca dice grazie sai a cine?

A ‘na punta de cranoncula,
ca zziccau cridare e cridare,
ca paria propiu ‘na litania de chiesia,
e scia ‛icennu: “Gesù Cristu meu beddru,

fane chiove, cusì faci l’acqua
e l’ommini e li cavaddri
se ponnu ddifriscare, pareddri mei…

E poi, ieu puru me pozzu fare
‘na beddra padula cranne cranne
cu cantu e notte e giurnu
e li pisci cu natane a mare…

E li puzzi, e le sterne
e li lacchi e le pileddre”…

… E lu Signore, ca tinia ‘e ‘ricchie ‘nchiate,
(e nu’ sulu ‘e ricchie, cu te ‘icu u veru)
pe’ ddru furmine de cra-cra ca lu ‘nsurdia
e ca nun bulia la spiccia filu propiu,
fice se face ‘u cielu niuru niuru comu la picicogna,
e zzicau a chiuvire a cieli ‘perti…

E a menzu a tutta ddr’acqua nc’era iddru,
‘na punta nziddru a menzu a tanti nziddri autri,
piccinni comu iddru, ca pariane frati
e ca scinniane tutti de pressa abbasciu,
burdisciannu comu tanti ‘mbriachi…

… E cusì ‘rrivau susu ‘nu munte vautu,
‘na sira fridda ca facia te scjela puru
‘u fiatu de ‘ucca (e li mucci d’u nasu…

o lu piritu de culu, cu’ decenza parlannu)
E se ‘ncorse ca s’era canciatu tuttu:
‘ntustatu de acqua a nive, pocca!…

Poi ‘a mimosa cacciau i primi fiuri,
‘a nive se squaiau e lu nziddru
nosciu se ‘iscitau e cuardau
tutti quiri culuri vivi de la primavera…

E poi zziccau camina ‘ntorna,
e zzicau a fuscjre alla scisa,
a mmenzu ‘i cuti e le ‘ngirate,
cu tanti nziddri autri comu iddru…

E de ogne vanna d’a muntagna
scisera tanti tanti autri nziddri ‘mmiscati,
e spicciara sutta antra ‘nu fiume,
e de ddrai antra nu laccu cranne cranne,
arunca ‘u nziddru se vitte nazzicare
d’u jentu duce duce d’a vespera…

Poi ‘ntorna, tuttu de paru,
se cchiau scinnire lentu lentu
antra ‘nu fiume sempre cchiu cranne,
sempre cchiu lentu, quasi chiantatu:
aru furmine sta’ scja spicciava?…

‘Ngirau l’cchi e vitte tante cose nove:
suppinne, case, erva e arbuli de ‘ulia,
scrascje, scrascjali, e fiuri gialli e russi,
farfalle ballerine e faticanti apiceddre,
ma puru musche, muschiddri e zinzali:

‘u nziddru sta’ canuscia chianu chianu
‘u munnu e la vita, e tuttu lu criatu…

E vitte vagnunceddri ca minavane
petre chiatte de chiattu allu fiume
cu le fannu zumpare cchiu fiate,
e ‘ntise unu ca cridava priscjatu:
“Aggiu vintu, aggiu vintu ieu!”…

Canusciu poi ‘nu vecchiareddru,
ssittatu scusu annanzi ‘a sponda,
ca tinia a ‘mmucca ‘nu sicàru stutatu
e a manu ‘nu fuste longu lungu cu ‘nu filu:
e tante fiate lu minava abbasciu antra l’acqua
e quarche fiata lu tirava susu cu ‘nu pisce…

Poi a ‘na ngirata stritta d’u fiume,
vitte ‘a sponda ca se tincia de culure viu viu:
a manu ritta l’erva e l’arbuli verdi.
a manu torta, ‘nu tappetu beddru
de culuri mmiscati de fiuri, ca li fice
‘bbrire ‘a ‘ucca pe’ lu prescju…

‘U nziddru sta’ ziccava se diverte,
ma se ‘ntise ngirare ‘u stommicu e la capu…

e se ‘ntise puru mancare ‘u fiatu:
‘a merda e lu pitroju erane ‘mpestatu ‘u fiume
de vileni e de fiezzu ca mancu antra ‘nu cessu…

E se pinsau ca sta more e disse ‘na prechiera
E chiuse l’occhi, spittannu ‘a macara culla fauce…

E, sutta ‘nu cielu chinu chinu de stiddre,
se fice nazzicare d’a naca lenta lenta d’u fiume…
Poi ‘bbriu l’occhi e vitte ‘nu cielu ‘zzurru ‘zzurru,
e ‘nu sule vasciu vasciu ca lu cicava,
e tuttu tornu tornu era silenziu,
ruttu sulu de lu ruscju de l’acqua ca scinnia…

Minchia, com’era ddivintatu cranne ‘u fiume,
none, pocca, nun era cchiu fiume, era ‘u mare…

Viaggiu spicciatu?… Ttrova ca sine:
‘U sule sta li sucava puru ‘e ntrame e la vita
e lu nziddru se ‘ntise ziccare e purtare an cielu…

Cuardau abbasciu e vitte sulu dulore,
cuerre e sangu’… e zziccau chiancire…

E ddru nziddru se spartiu a doi, a quattru,
a centu e cchiui, e se fermau susu ‘na rosa chiusa,
ca se ‘bbriu alla vita, cu tuttu lu culure,
ca se ‘bbriu all’amore cu tuttu lu core…

Moi ‘u nziddru l’hannu chiamatu an cielu
e cuarda de l’autu le storie de l’ommini,
e li vide lliticare sempre e se ne dole,
ca nu’ vide autru ca cuerre e cuastasi…

Però nc’ede puru ci scusu scusu ama… e cride… e spera:
‘Nu cristianu de l’Innia, ca chiamane Tagore, ‘ice:
“Ogni fiju ca nasce ne face capire ca lu Signore è cranne
e ‘ole ‘ncora bene a tutti li fiji soi, puru ca su’ scemi”…

E ‘llora ‘u nziddru spicciau de chiancire
e disse a l’ommini tutti de ‘sta terra:
“Ci ‘ncucchi ‘nu nziddru a ‘nu nziddru,
faci sulu ‘nu nziddru cchiu cranne;
ma ci te dai canza e li mmasuni tutti i giurni,
cullu tiempu te ‘ncorgi ca s’ha chinu ‘u mare”…

Traduzione
La vedi quella gocciolina
tenacemente adesa sui
fragili petali di una
timida margherita?
Quella gocciolina che brilla
al sole come l’oro riflesso,
deve la vita al gracidare
insistente d’una raganella,
che si mise a cantare,
in guisa di preghiera,
perché il Signore creasse,
dopo la terra, la pioggia
e, con essa, la limpida
acqua, per dissetare tutte le
creature della terra contro
la calura estiva e per dar vita
a laghi, e fiumi, e mari…
… All’orribile suono di quella
gracidante pestilenza, il cielo,
da sempre terso, s’oscurò di nubi che
pensarono d’affogare quella voce
disturbante, mandando giù una
incessante e torrenziale pioggia …
E quella minuscola gocciolina
cadde giù dal cielo, dispersa in una
indistinta moltitudine di goccioline
gemelle, verso un destino incerto,
in caduta libera, interminabile
percorso d’una nuova vita…
… Giunse sulla cima d’un colle
in una notte, gelida, d’inverno.
E si vide di colpo trasformata
in una miriade di multiformi,
lucenti, candidi cristalli di neve…
Poi fiorì le mimosa e la neve si disciolse
a rimirarne i biondi viluppi..
E così la piccina riprese il viaggio,
discendendo rapida il crinale
verso la verdeggiante piana,
dispersa in mezzo a tante altre
goccioline nel corso impetuoso
d’un torrente in piena…
E tanti piccoli torrenti
confluirono nel più ampio e
placido corso d’un fiume, che si
sversò in un lago, dove alla piccina
non parve vero d’essere cullata
dalla tenera brezza vespertina…
Ma di nuovo, all’improvviso, si
ritrovò in moto, a viaggiare
in un lieve declivio, tra le sponde di
un fiume sempre più grande,
sempre più lento: quale altra
avventura l’attendeva?…
Durante quel suo secondo, lento,
interminabile viaggio, incontrò
villaggi, città, alberi secolari e
rigogliosi cespugli; farfalle colorate
e fastidiose zanzare: era, quello,
un piccolo spaccato del creato…
Incontrò bimbi che giocavano
a lanciare, in parallelo con
la superficie del fiume, piccoli
sassi levigati, per vederli poi
saltellare sull’acqua… e sentì
le urla di gioia dei più bravi…
Conobbe, poi, un tipo strano,
tutto accovacciato sulla sponda,
con in mano un bastone lungo e
stretto, dal quale pendeva un filo
sottile immerso nel fiume: era,
quello, un pescatore alla canna…
Superata una grande curva
a destra, vide le sponde tingersi
di colore con, a destra, il verde
intenso degli alberi e dell’erba
e, a sinistra, i mille arabeschi
degli splendidi fiori d’aprile…
La gocciolina cominciava ad
entusiasmarsi a quelle meraviglie
della natura, quando, all’improvviso,
avvertì un penoso senso di malessere,
una sorta di grave fame d’aria, che
la costrinse a ripiegarsi su se stessa.
Gli scarichi civili ed industriali
avevano reso quel tratto del fiume
ostile e inospitale, per i tanti
veleni disciolti nell’acqua, un
tempo chiara e limpida, del fiume.
E la gocciolina sentì, vicina, la fine…
E cercò di ricordare le preghiere
apprese in quei suoi pochi mesi di
vita sulla terra… Poi socchiuse gli
occhi e si mise ad attendere la fine…
E, sotto le stelle, si lasciò cullare
dal placido incedere del fiume…
Riaprì gli occhi ad un cielo terso ed
accecante, mentre tutto il resto era
silenzio, rotto soltanto dal fruscio
delle onde cullate dal vento: com’era
diventato grande, il fiume!… No, era,
quello, e finalmente, il mare!…
Fine del viaggio? Pareva di sì: un
sole martellante le portò via le sue
ultime energie e la gocciolina fu
presa dal mare e condotta in cielo…
Guardò in basso e vide dolore,
guerre, sangue; e pianse disperata…
E quell’unica, enorme lacrima,
terminò la sua discesa frantumandosi
in mille pezzi sul bocciolo (socchiuso)
di una rosa… che si schiuse alla vita,
con tutto il suo colore… che si aprì
all’amore, in tutto il suo splendore…
Ora la piccina è stabile ospite del
cielo ed osserva, dall’alto, la storia del
mondo, le vicende quotidiane degli
uomini… ma piange ancora spesso,
perché non v’è quasi mai, sulla terra,
cagione d’ilarità, né di serenità…
Ma, da lassù, osserva, anche, i
benefici effetti delle sue lacrime e
delle lacrime figlie, da esse versate, in un
pianto fertile, che non avrà mai fine,
almeno finché, sulla terra, ci sarà
posto per l’amore e l’umana pietà…
Dice il grande spirito di Tagore:
“Ogni nuovo bambino che
nasce porta in sé il messaggio
che Dio non è stato (ancora)
scoraggiato dall’uomo”…
Ricorda, quindi: se ad una goccia
aggiungi una goccia, avrai solo una
gocciolina più grande… ma se non
avrai fretta e lo farai di frequente,
col tempo, quella goccia, diventerà
uno sterminato, fecondo oceano…

Annunci

4 pensieri riguardo “Storia de ‘nu ‘nziddru”

  1. Grazie, mia splendida amica. In realtà, devo dire che non è tutta farina del mio sacco, perché mi sono rifatto a Esiodo: “Se aggiungi poco al poco ma lo fai di frequente, presto quel poco diventerà molto”, che mi aveva già ispirato nella stesura del progetto di volontariato di assistenza integrativa ai malati di SLA, ideato con lo slogan della “donazione dell’8‰ (otto per mille)”: se ogni operatore sanitario fosse disponibile a donare l’otto per mille del proprio tempo disponibile in una settimana, pari a circa 80 minuti, cioè a 2 prestazioni domiciliari di 40’, molti, se non tutti i problemi assistenziali oggi irrisolti troverebbero una soluzione tanto facile quanto comoda e non stressante né per il sistema né per il singolo operatore. In altrri termini, si afferma il principio in base al quale sarebbe sufficiente davvero un minimo contributo da parte di tutti gli operatori della sanità per elevare di molto la base delle risorse disponibili e dare, quindi, risposte concrete a molti problemi (bisogni) complessi finora irrisolti.

    Mi piace

  2. … che tu ti sia ispirato o meno ad Esiodo, piuttosto che a chiunque altro, non toglie che ‘questa tua’ sia di una dolcissima magia, e, che il tuo progetto assistenziale sia degno del tuo animo nobile, lo si ‘legge’ nella generosità sconfinata della tua persona…
    … un sorriso …

    Mi piace

  3. Mi lasci senza parole, Titti!… Per riprendermi avrò – credo – bisogno di un buon trattamento logopedico (ecco, magari, sarò anch’io un utente del servizio che ho attivato… per la serie: “Lu ciucciu porta la pajia; lu ciucciu se la rajia!”). Ricambio il sorriso, ma il mio tentativo è mal riuscito, rispetto al tuo… radioso.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...