Poesia, Scrittori salentini

U dialèttu o lingua materna (poesia)

f

U dialèttu o lingua materna

Pe manu sta me tene e tice: “veni!,
veni mò ca nù sinti cchiù carusu,
òiu tte mmosciu ccènca tegnu scusu,
statte cu mie ca n’amica teni!;

puru se le palore susu u musu
sta teni scarce, pare le ntartèni,
ma ca le dici quannu te nvilèni
mò ca sinti … Messère cuntinusu,

veni listessu, quarda st’acchiatura
ca t’àggiu zzàta ntatta pe tant’anni
‘ppòzzi mparare i numi te natura,

li giusti ca ne dèsera li nnanni
pe gnancòsa, te modu li criatura
te ieri o te osci nù se ‘nganni!”

Pippi Toma (Maglie, dicembre 1983)

———-

La lingua materna o dialetto
Mano nella mano mi esorti: “vieni! / Vieni con me anche se ormai attempato, / ti metterò al corrente di ciò che non sai / delle mie parole; sono sempre la tua amica / nonostante tu mi abbia trascurato / e ti ricordi soltanto quando, / incazzato, mi usi per imprecare  / ora che sei un … distinto Dottore!, / Vieni!, osserva il tesoro nascosto / che ho custodito intatto perché / tu possa comprendere il lessico / tramandato dalle più antiche generazioni, / per darne la giusta conoscenza ai discendenti / e non vadano incontro ad errori d’interpretazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...