Ambiente, Tradizioni

La battaglia dei Parlamentari europei per l’olio extra vergine d’oliva è un pesce d’aprile?

di Antonio Bruno

The best wise
© Gianfranco Budano: The best wise

Ho letto con grande attenzione una nota di Roberto La Pira dal titolo “La bufala della legge europea che tutela l’olio extra vergine dilaga sui giornali. E’ vero il contrario, l’olio taroccato è diventato legale”. E da quella nota sono scaturite le mie opinioni e proposte che potete leggere qui di seguito.

La battaglia solitaria di Paolo Carmignani

Alla sola lettura del titolo della nota siamo immediatamente consapevoli di ciò che pensa l’opinionista de “il fatto alimentare” http://www.ilfattoalimentare.it/ della battaglia guidata dal Dottore Agronomo Paolo Carmignani e portata alla vittoria dalla delegazione Italiana del Parlamento Europeo capeggiata da un Europarlamentare salentino ovvero Raffaele Baldassarre e dal salentino pure lui Presidente Commissione agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo Paolo De Castro. In pratica per Roberto La Pira questo impegno è stato velleitario perché non ha prodotto alcun beneficio all’olio extra vergine del Salento.

La confusione per la enorme differenza di prezzo dell’olio extra vergine di oliva

Tutti sappiamo che i prezzi delle bottiglie di olio extra vergine di oliva  esposte sugli scaffali dei supermercati oscillano da 2,5 a 8-9 € al litro e più. Lo stesso Roberto La Pira ammette che tale situazione crea molta confusione tra i consumatori che non sono consapevoli di ciò che scelgono. In pratica come può essere che una bottiglia d’olio extra vergine sia di costi così diversi? E che differenza c’è tra la bottiglia che costa 2 Euro e quella che costa 10 Euro?

Per fare chiarezza l’Unione Europea ha adottato un regolamento  che entrerà in vigore il 1 aprile 2011 (un pesce d’aprile?). Questo regolamento autorizza la vendita di olio extra vergine di oliva con un quantitativo massimo di alchil esteri pari a 150 milligrammi per chilo.

La quantità di alchil esteri in un chilo d’olio secondo l’Agenzia Regionale per l’Ambiente delle Marche

Ernesto Corradetti  dell’Arpa di Ascoli Piceno rende noto che i dati analitici ottenuti in tre anni di indagini hanno evidenziato che  gli oli extra vergini di oliva  ottenuti da olive  sicuramente conservate bene, non sono riscontrabili quantità significative di alchil esteri. In qualche caso i livelli arrivano a 1 – 2 milligrammi per chilo.

La quantità di alchil esteri secondo la delegazione italiana nel Consiglio oleicolo internazionale

Carlo Mariani della Stazione oli e grassi di Milano afferma “In sede di dibattimento presso il Consiglio oleicolo internazionale (Coi) a Madrid  per mettere a punto la  norma l’Italia era contraria ai nuovi limiti per gli alchil esteri perché un buon olio al massimo ne contiene da 10 a 30 mg/kg”

La proposta di Giovanni Lercker del Dipartimento di Scienze degli Alimenti dell’Università di Bologna

Giovanni  Lercker del Dipartimento di Scienze degli Alimenti dell’Università di Bologna afferma: “Per evidenziare le differenze qualitative si dovrebbe  introdurre  una nuova categoria, quella dell’olio extravergine di oliva di alta qualità, con un valore di alchil esteri inferiore  a 30”

E se la quantità di Alchil Esteri è superiore a 30?

I produttori di olio del Salento ora sanno che se il valore di alchil esteri è superiore a 30 è fortemente probabile che le olive prima della spremitura hanno subito “maltrattamenti” (schiacciature, ammaccature oppure sono rimaste molto tempo nei piazzali sotto il sole in attesa della spremitura) e l’olio  ha un odore cattivo e risulta difettoso e che tale difetto è stato “corretto” attraverso la chimica che mette in atto un processo noto come deodorazione mild. Se a questo si accoppia un prezzo di 2 – 3 Euro al litro ecco che la probabilità si trasforma in certezza!

Da problema ad opportunità

Siccome l’etichettatura di un prodotto alimentare ha, per il consumatore, una importante funzione di tutela, informandolo sul prodotto che sta acquistando e consentendogli di scegliere quello che è maggiormente rispondente alle proprie esigenze io propongo ai produttori di olio extra vergine del Salento di inserire sull’etichetta la quantità di Alchil Esteri contenuta nell’olio!

Il marchio d’area “Prodotti di Puglia” solo all’olio extra vergine d’oliva con meno di 10 milligrammi di alcil esteri per chilo di olio extra vergine d’oliva

La Regione Puglia e’ la prima regione in Italia ad aver scelto di segnalare esplicitamente l’indicazione territoriale dei propri prodotti, proprio per garantire provenienza e qualita’ dei prodotti agroalimentari, legando il proprio marchio alla rintracciabilita’ della filiera. Io propongo che il marchio d’area “Prodotti di Puglia” sia concesso solo all’olio extra vergine d’oliva in cui  sono riscontrabili quantità di alchil esteri inferiori a 10 milligrammi per chilo di olio extra vergine d’oliva e che tale dicitura sia chiaramente leggibile sull’etichetta.

L’appuntamento del 2012 per arrivare con un olio extra vergine del Salento di straordinaria competitività

Il tutto dovrebbe essere pronto per l’appuntamento del 2012, dopo le adesioni al Marchio Prodotti di Puglia in maniera tale da portare nel paniere di prodotti e nella griglia di produttori solo quelli che producono olio extra vergine di oliva con unaquantità di alchil esteri inferiori a 10 milligrammi per chilo che cioè hanno sposato la filosofia della tracciabilità come asset strategico, che è la variabile che farà acquisire una competitività  straordinaria ai produttori di olio extra vergine di oliva del Salento.

1 pensiero su “La battaglia dei Parlamentari europei per l’olio extra vergine d’oliva è un pesce d’aprile?”

  1. Eh sì.. dai allora!!
    Ma nel frattempo quale olio compriamo? Come facciamo a riconoscere quello buono, solo dal prezzo o c’è scritto qualcosa già?

    D.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...