Cultura salentina, Poesia

“A sicaretta ‘mmucca” (poesia)

di Pippi Toma

g

A sicaretta ‘mmucca

Scennu e vinennu a susu ‘lla Capece
cuntannu te pulitica e te scola
u Luvigi, u Giuseppe e lu Nicola
se chiantara e l’occhi spalancara:
na furese,
capiddhi tinta, sulla settantina,
scinnia scancannu, –  ‘mmucca a sicaretta –,
lu spurtellu te nanti a ‘berlinetta’.
‘Nunn’è cummare Ntogna quiddha ddhai?”
-se tessera quardànnuse ddh’amici-
“Si, òju la salutu, – tisse u Cici -,
scusàtime, nu ttàrdu, permittiti.”
“Sta me canusci? U Gigi suntu, u Cici?
u cumpagnu te fijuta u Giuvanni,
…nu ne vitimu, ormai, su’ bboni anni,
lu nèu ca teni ‘nfacce t’à svelata,
…sinòne…
Comu t’ìa can uscire? sì cangiata…!
Mò ca te vitti ‘mmucca a sicaretta
me tissi … ète iddha? … ci sajetta!
… nunn’hai fumatu mai, ssignuria,…
ricordu te ddha Pasca Bbifània
li scaffuni buscati ntra lli musi
te lu Giuvanni, ca fumau te scusi!!!
“Ehhhii…! …eehhiii…
…Cici… Cici, ce ggè ca sta me tici?
i tiempi su’ cangiati, …nu llu sai?
eppuru eri u mèju te la scola
cu lu Giuvanni meu e lu Nicola,
tutt’affabeta jeu me mmudernai
a sti tiempi te osci … te lu crai,
ca puru a Chiesia sta cangia le virtù,
… cangiara i Santi, puru li prelati,
Cristu … pare nin nc’ète…, tice ca fu,
t’a fimmina i piccati su’ cangiati:
…mò sta spettamu ‘vvegna … lu nou tabù!!!”

Pippi Toma (Maglie, 3.12.1977)

———————–

La sigaretta in bocca
Camminando su e giù in piazza Capece, / chiacchierando di problemi politici e scolastici, / Luigi, Giuseppe e Nicola / si fermarono di colpo spalancando gli occhi: / una contadina / dai capelli tinteggiati, sui settant’anni, / usciva, le gambe divaricate e fumando, / dallo sportello anteriore della utilitaria. / “Non è comare Antonia, quella lì,” / – si chiesero, guardandosi negli occhi, quegli amici -,/ “Si!, la voglio salutare, disse Gigi, / scusatemi, farò presto, vi chiedo permesso.” / “Mi stai riconoscendo? Gigi sono, “u Cici”?, / il compagno di tuo figlio Giovanni, / …sono ormai tanti anni che non ci incontriamo, / il neo che hai sul viso ti ha fatto rivelare / altrimenti …/ coome avrei potuto riconosceri, sei cambiata! …/ Ora che ti ho visto con la sigaretta in bocca / mi sono chiesto: sarà lei?… oh! lampi e tuoni! / …non hai fumato mai “vossignoria” / ricordo quel giorno della festa della Befana / gli schiaffi in faccia ricevuti / dal tuo Giovanni che aveva fumato di nascosto!” / “Ehhhi…! Eeehhhiii…/ Gigi… Giggi, cosa mi vai dicendo? / i tempi sono ormai mutati, … non lo sai forse? / – eppure eri il più bravo della classe / insieme al mio Giovanni ed a Nicola -; / anche se analfabeta io mi sono adeguata / ai tempi odierni, i prelati deviano, / …lo stesso Cristo sembra che non sia esistito… / come se fosse una cosa passata; / i peccati della donna sono di altro genere: / adesso siamo in attesa di un nuovo … tabù!”.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...