Poesia

Cave Canem

jjj

CAVE CANEM

 
Scennu a spassu fra ruderi romani
te terme, te palazzi cquai e ddhai
dopu ca li Latini, comu sai,
vincìra tutti li Mediterranei,
musàici stumpisci, culurati,
cu scrittu “cave canem” e lu cane
stave cu l’ucca perta pe la fame
a quardia te patruni già bbinchiati.

 

Lassannu e cose ntiche, quarda moi:
nun c’è pizzu te mare o te muntagna
oppuru core-core te campagna
senza ville cu marmi; cani troi,
te bbàjane vicinu e te luntanu,
ste ville, sacci, su’ te l’Italianu
ca, senza Imperu, fice i cazzi soi!

(Pippi Toma, Maglie – 11.03.1979)

————

CAVE CANEM
Andando a zonzo fra i ruderi delle terme, dei palazzi / disseminati qua e là dall’antica Roma / dopo che i Latini – come è noto / sottomisero tutti i popoli mediterranei -, / vai calpestando mosaici multicolori / e la scritta ‘cave canem’ con la figura del cane / con le fauci spalancate per mangiare / a guardia di padroni già satolli. / Passando da ieri ad oggi vedi che / non vi è località marina o montana / o di ubertosa campagna / senza ville sontuose con marmi e ti imbatti con cani / che ti abbaiano da vicino e da lontano, / queste ville, sappi, sono proprietà dell’Italiano / che, per quanto privo dell’Impero, ha fatto i ‘cazzi suoi’.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...