Cultura salentina, Poesia, Poesie, Scrivere il Salento, Territorio, Tradizioni

A scala t’a làmmia

sdcal

A scala t’a làmmia

A la scala t’a lammia tuttu nc’era
quiddhu ca ne servìa pe la casa
e, se stritta e mpicata iddha era,
tuttu nfilavi comu a na capasa.
A fietta te cipuddhe, quiddha t’àju,
te pimmitòri a mpennaròla, nc’era
pe pitteddhe e taraddhi a ramera,
a màttra, a vitìvi, stia te taju
‘ll’aprire te la porta ‘lla mancina.
Su li primi scaluni cchiavi l’oju
pe la comudità a lu vacare,
mieru, citu, a sicchetta t’a farina,
chiù susu, poi, cu nu nc’èggia mbròju,
maròcculi e lissìa pe lavare,
u farnàru, canije pe la caddhìna
nu buttijòne chinu te pitròju.
Salènnu ncora nc’èrane i stangàti
pe le fiche siccate, le friseddhe,
sùsu a mènsula stìane lliniàti
buccacci chini te pruistèddhe:
cunserve sutt’oju e sutta citu
pe scazzi care bonu l’appititu.
Aria e luce trasìa t’u finesceddhu,
nu scarpiùne sciucava a scunnareddhu
e, sùsu u parìte ‘ll’aria, a ratatila
te na taranta ca tissìa la tila.
E, ncòra sùsu, era u ripustìju
t’a passa-pimmitori, te li crocci
e tant’autri carràttuli te scìju,
pupe te quann’èrane mmammòcci.
Rriàti nnanti a porta te a lammia,
canne, trùavi, corde, li ccappètti
pe spannìre i chiscìuni te li letti
ca se purtàne, ccòti, ntra la limma.
Stia ‘mme scòrdu! Sutta, a l’angulèddhu
Ncucciàtu e scusu te càrbu, u cantarèddhu.
Pippi Toma (Maglie, dicembre 1977)
————————————————————————————
Trad. La scala della terrazza era il deposito di ogni / cosa per le necessità della casa e, per quanto / ripida e stretta, tutto veniva stipato / come in una capàsa di creta. / La treccia delle cipolle, quella dell’aglio, la / pendola dei pomodori, il tegame di rame / per focacce e taralli, la ingombrante madia / era appesa al muro a sinistra / accanto alla porta. Sui primi gradini / per un comodo attingi mento,/ c’erano i recipienti dell’olio, del vino, / dell’aceto, il sacchetto di tela per la farina. / Salendo poi, per evitare errori, il bottiglione / del petrolio, la brocca di lisciva / il ceneratoio, la crusca per le galline; / continuando a salire trovavi altre capase / per i fichi secchi, per le friselle e, / allineati su di una mensola, / i piccoli recipienti di vetro delle conserve / sott’olio e dei sottoaceto / per stuzzicare l’appetito. / Aria e luce penetravano da un piccolo / finestro da quale faceva capolino, / come per gioco, un veloce geco / mentre, più in alto, sul muro / la ragnatela tessuta da un ragno. / Più su i gradini erano ripostiglio / del setaccio per i pomodori, del raffio / per ripescare il secchio dalla cisterna, / cianfrusaglie e contenitori alla rinfusa, / i pupi di quando eravamo bambini. / Giunti sul pianerottolo davanti alla porta / della terrazza, trovavi le canne, le funi / e le morzette per stendere le lenzuola / che si portavano già strizzate / e raccolte nella bacinella. / Dimenticavo! giù in un angolo, / coperto e ben nascosto il vaso da notte.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...