Gastronomia, Poesie, Tradizioni

Lu tòrtanu te strùffuli

di Pippi Toma

dolce

Lu tòrtanu te strùffuli

U strùffulu ncumincia prima ‘nnàsca
cu mpuzzùna t’òiu fattu la cucina,
ci nù tene cantùne a pija ‘n tasca
cu friscia a lu focu fina-fina
na scorza te portacàllu pe la nasca,
cu nù senta sapùre te sìntina

quannu lu mangia a tòrtanu, – ssettàtu
a la taulàta grande te Natale -,
e cu bbìa te sùsu nu muscatu
te ùa te vigna, te quiddhu speciale,
pe disòbblicu ùtu rricalàtu
pe nu favore fattu te zinzàle;
ma se sapia quantu te fatica
ddha calàta li custa a la mujère,
ca sana-sana, scàna ‘llu taulièri
ddhi mille struffulèddhu, ‘ppoi ‘lli frìscia,
a iddha li tuzzàva nù bicchieri
pe brindare, cu core nnamuratu,
-chiamate tradizioni- ha tramandatu
e ca ‘lla vita llèane li maru!
… e, ntàntu, mangi frittu mprofumàtu,
ca poi nunn’è custatu tantu caru
se penzi a tuttu quiddhu c’hai ccattàtu:
farina, oju, alcool, muniàca,
u tiempu ca lu gas stave ddumàtu
su’ spese ca supporta òne pàta,
puru se na fimmana ha jutàtu
cu lu cuntàre ca lu tiempu mmàca.
Poi, la stessa sira, tutta sula
a fimmana te casa se lu ggiùsta
a tòrtanu, a taràddhu, a cuddhùra
scrummànnu l’anisìni t’intru a busta,
cannella fatta a prùle, cu misura,
e mele ‘nchinu, quantu custa-custa,
e mèndule te pignu pe decòru
sparpàja tuttu sùsu: sti culuri
a l’òcchiu prèsciu, a ‘llu nasu ndòru,
li quardi e te piace cu ddimùri
sta pènzi – ète curuna t’alloru
pe iddha – e, ‘ntra te tie, “che duri!”.

Pippi Toma (Maglie, dicembre 2011)

———————————————————

Lo strùffolo.
Lo strùffolo prima di nascere fa puzzare / di frittura la cucina sprovvista di camino / per l’olio che frigge la sottile buccia d’arancia / che smorza il sapore di molitura dell’olio / quando lo si mangia tagliato dal tòrtano / – tutti insieme seduti alla tavolata di Natale -, / accompagnato ad un bicchiere di moscato / di uva pregiata di vigneto patronale / ricompensa, quale disobbligo, / per una favorevole intermediazione; / ma se si tenesse conto del lavoro toccato ( alla moglie per fare quel prelibato boccone / – che per un pomeriggio intero, sino a sera, ha dovuto impastare, spianare la pasta / sul tavoliere e poi ridurla in sottili bastoncini, / tagliarli in mille piccoli pezzettini / sulla spianatoia e, infine, friggerli -, / a lei alzerebbe il bicchiere per brindare, / con cuore innamorato, per la sua costanza / nel tenere salda quella tradizione / che tramandata, insieme a tutte le altre, / lenisce le asprezze della quotidianità. / Intanto si mangia frittura profumata / che, tutto sommato, ha un costo contenuto / considerando gli ingredienti acquistati: / farina, olio, alcool, ammoniaca, / il consumo del gas per il tempo della frittura, / sono spese che può concedersi ogni tasca / anche se si aggiunge quella dell’eventuale / aiuto di una donna che col suo ciarlare / non fa notare il tempo che passa. / Nella serata, poi, la moglie, tutta sola, / provvede a sistemare gli strùffoli / disponendoli a tortano o ciambella / e a spargervi sopra anisini tolti dalla busta, / cannella in polvere con moderazione, / e miele in quantità senza risparmi / e, come ulteriore decoro, i gustosi pinoli; / ammirato per l’allegria dei colori e dall’odore / ti soffermi a guardare e pensare sia una corona / d’alloro per lei e, ti dici: “che duri !”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...