Poesie, Scrittori salentini

Inverno

J.F. Millet, Serata d'inverno, pastello su carta, 1867

Immobili e lontani,
i cirri e gli strati,
agnelli distratti
nei pascoli del cielo,
invulnerabili,
sotto la bora sferzante,
che scalda i cuori,
tra effluvi d’incenso
e ricercati unguenti,
a riscoprire
il rinnovato
aureo messaggio
della Natività.

2 pensieri su “Inverno”

  1. Allora, Lele, mi resta il tempo (se campo) di comporre le prossime 3 stagioni, novello Vivaldi del Salento: auto-ironia o narcisismo patologico? Mah! Ai postumi (disse l’ubriaco), l’ardua sentenza!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...