Poesie, Scrittori salentini

Estate

© Giuseppe Diso: Estate (olio su tela)


Siede e riposa
il contadino,
contro il ruvido, provvido,
muro a secco,
al fresco frondoso
riparo del noce
all’estiva calura.
Il capo reclinato
sulla terra riarsa,
s’attarda a seguire
il brulicar silente
delle operaie,
affaccendate
a cavar nel formicaio
l’orribile soma
dell’umano pasto,
tra gli assurdi, obbligati,
tortuosi sentieri,
a tutti gli altri ignoti.
Laggiù, nella penombra,
frusciante di tenere carezze
sugli aguzzi scogli,
fa capolino il piccolo
granchio-sentinella,
a scrutar l’orizzonte,
nel timore d’oscure minacce,
imboscate mortali
per il vecchio padre,
voglioso, come sempre,
d’uscire allo scoperto
dalla salvifica tana;
lui, orrido mostro peloso,
timido abitante
degli antri affioranti,
signore della notte,
mite, sotto il Carro,
lucciole disperse,
lontane nel tempo,
nell’attesa, vivida,
delle strie furtive
delle luminarie
di San Lorenzo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...