Poesie, Scrittori salentini

Inganno

di Katia Giannotta

MAR
Rosanna De Angelis, “Mare da ascoltare”, Olio su tela

La mia tregua

è altrove,

non qui.

Nel greve

scrosciar

del flutto,

che lambisce

uno scoglio

noto.

In istanti

lenti, che

si susseguono e,

li assaporo.

Qui

è costrizione,

senso d’obbligo.

Luogo di attesa

o transizione.

Bramor

di fuga

in miraggi,

non paghi,

di un preferibile

venturo,

che si stempera.

Laggiù.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...