Personaggi

Ercole Ugo D’Andrea: Il ruolo del poeta e la sua missione

Ercole Ugo d'Andrea
Ercole Ugo d’Andrea

I fantasmi di D’Andrea

Ercole Ugo D’Andrea, poeta di Galatone, nato nel 1937 e scomparso nel 2002. Si sono celebrati da poco i dieci anni dalla morte, con i soliti profeti minori da odore di incenso, polvere e forfora di biblioteca che s’affannano, sempre “dopo”, a riannodare le radici, a rifare monumenti all’ovvietà, a pesare la sillaba e la goccia di rugiada, la virgola e il grano di luce, la sinestesia e l’istante che folgora. A lui non sarebbe piaciuta quella processione di gente estranea che parlava della sua casa bianca da “curte galatonese”, dove viveva con la vecchia madre, dell’albero delle nespole, delle sue stanze piene d’ombre ancora dense dei suoi odori, delle sue parole scritte rigorosamente con la penna stilografica, screpolate dagli anni o sbiadite, dell’incrostazioni nei cassetti della scrivania, dell’allevamento di scorpioni in giardino, del glicine, e della scalinata che si fa precipizio per il salto di giornata; no, non gli sarebbe piaciuto che qualcuno avesse risuscitato si suoi fantasmi, un fiore sfuggito alla morsa del freddo, essiccato, riposto fra i suoi libri, e poi tra gli angoli remoti, i colpi di tosse e i lunghi silenzi con cui dialogavano i due taciturni, la madre e lui stesso. Era un poeta appartato, alieno a tutto, una specie di scoiattolo che voleva vivere nel suo albero-casa, dove c’era un nespolo che aveva molte braccia e larghe foglie che offrivano riparo alla luna. Ercole è stato forse l’ultimo “grande” poeta (in lingua italiana ) del Salento, uno che se ne è andato davvero in punta di piedi, che si sentiva estraneo nella propria terra, come purtroppo capita a molti poeti. A differenza di Toma e Verri (entrambi autodidatta), che lo avevano preceduto da poco nel regno delle ombre, D’Andrea era un poeta “classico”, classico per formazione, rispetto e riscoperta della tradizione lirica italiana, ma assolutamente moderno per lo spirito e per quella sua visionarietà che anticipa il futuro. Ma di questo fatto non sembra essersene accorto nessuno, o quasi, nel Salento. Si fa ancora un gran parlare di Verri e Toma, che, anche cronologicamente, vengono posti subito dopo la triade, o la trimurti salentina ( leggi Comi Bodini Pagano), ma dell’autore di Ozi e negozi, (Vallecchi,1973), La confettiera di Sèvres ( Lacaita 198) Fra grata e gelsomino (Garzanti 1990), L’orto dei ribes di corallo (Lacaita, 1999) tutti tacciono. Inopinatamente. Stranamente. Paradossalmente, oserei dire, tenuto conto, ad esempio, che un Vittorio Pagano non è stato mai edito da nessuna casa editrice degna di questo nome, e lo stesso Girolamo Comi non era certamente un poeta originale, ancorché strombazzato dall’Osservatorio Romano e da qualche suo allievo.

L’amico di Luzi.

Allora ci domandiamo perché il galatonese, molto apprezzato dall’editoria nazionale e soprattutto da Mario Luzi,ossia il maggiore poeta italiano di questi ultimi trent’anni, con cui ha avuto un lungo sodalizio sfociato in “Album di poesia di Luzi e D’Andrea”, una chicca nel suo genere, è stato dimenticato proprio dalla critica letteraria, dagli studiosi della sua terra, che annovera gente di prima grandezza come Macrì, Marti, Valli, Scorrano e Bonea?. Forse D’Andrea ha avuto il torto di snobbare accademie e mass-media, pur vivendo costantemente, soprattutto quando ne era lontano ( è stato per molti anni a Firenze), con “l’anima serrata nel Salento “, piccola patria di incontri – scontri, di odio –amore, come era accaduto a Bodini. Ma, a differenza del leccese, che era fumantino, molto permaloso e passionale, sangue caliente sempre pronto alla scazzottata, e non solo metaforica o letteraria, D’Andrea era un vero gentleman, evitava qualsiasi attrito, solitario, schivo, appartato, forse timido anche. E uno come lui non poteva fare tendenza, destare interessi, suscitare clamori in un mondo che vive di frastuono.

Viveva troppo rinserrato in un suo mondo, talora accigliato, scontroso e sdegnoso, straniero nella sua terra, per essere amato dai suoi conterranei. Ma è stato certamente un poeta degno di questo nome, un poeta finissimo, aristocratico, per il quale la poesia era un impegno integrale, un mezzo di esplorazione della vita che si realizza nel problema stesso dell’esistenza. Diceva sempre: “la poesia parte dallo zero e termina sullo zero”, come se nessuna altra poesia l’avesse mai preceduta o potesse derivarne .“Io mi sento poeta per ciò che non dico, in quanto le parole o sono fiumi in piena o sono vuoti come gusci delle cicale”

Il dramma di D’Andrea fu simile a quello di Mallarmè, suo dichiarato maestro, ossia quello dell’impossibilità di far coincidere l’assoluto con la poesia, la sua poesia, caratterizzata – scrive Donato Valli in “Novecento letterario leccese”( Manni 2002), da un’ascendenza ermetica che in questi ultimi tempi si è andata sempre più modificando in una secchezza e semplicità di dettato di chiaro influsso sinisgalliano ( La notte fascia la casa di silenzi, / la mia casa vera/ con calendari e piante/libri negli scaffali/ frutta nella fruttiere./La mia casa come il nido/ dell’albero di stelle/ respira lo stellato. /Forse qualcosa sta per accadere / di molto finale, o nulla:/mia madre dorme /contro un muro/sicuro il suo sonno/, io appunto quest’attesa,/ verrà l’alba o il sonno/

La casa sente su di sé /il tarlo celeste”. Sembrerebbe una poesia un po’ crepuscolare, quasi intimistica, domestica. In realtà non gli piaceva affatto essere considerato un poeta dello “spazio domestico”. La sua è una poesia che – per certi aspetti – richiama, oltreché Sinisgalli, Emily Dickinson, Rilke, Lorca, Montale e lo stesso Mario Luzi, suo maestro, amico e sostenitore.

ErcoleUgoDAndrea_2
Ercole Ugo d’Andrea

Lecce la morta

Ad un certo punto della sua storia di uomo e di poeta, Ercole Ugo D’Andrea, avverte in modo pressante il compito di istituire un linguaggio poetico “parlato”, fortemente semantico, espressivo e ritmo-fonico Ma la struttura sintattica si conserva organizzata e chiusa, mantenendo intatte le tradizioni letterarie alte. E’ una via di lavoro poetico concreta, forse più vitale e resistente delle tecniche di avanguardia, che s’incentra sui grandi tragici temi del dolore e della morte e sulla sua amata-odiata piccola patria Salentina, che non riesce a “crescere”,o meglio non riesce a proiettarsi nel futuro, a sistemare i suoi “allori”. Lecce è morta, ma inganna perfino la morte con lo sfavillìo dei suoi ori barocchi. (E’ allora che cominci a morire,/nei tuoi santi di pietra,/nella burocrazia arroccata,/Lecce la morta,/specie di domenica, quando c’è la Messa /e la partita… e così t’ho lasciata che pioviscola/su vasi verdi delle tue terrazze,/mentre tu hai già sistemato/ le tue anche, i tuoi ori/i tuoi allori no/ché non hai i tuoi poeti che ti cantino,/da perfetta defunta quale sei…)

Nel poemetto “Lecce la morta”, il poeta, – scrive Giorgio Barba – per reazione ad una società indifferente, avulsa dal contesto reale, sempre volta al passato, sembra volersi rinchiudere nella sua turris eburnea e il suo linguaggio diventa aleatorio, aereo, volutamente incomprensibile “. Il poeta gioca con quel quid che sfugge alla vista comune per dilatarla, arruffando goliardicamente i pensieri e contaminando la logica. Non è la poetica della meraviglia, né quella ermetica, ma la poetica del visibile che solo “il poeta malato di poesia” e dormiente sa ritrovare ricostruendo il cosmo da zero. “Si aspetta sempre che le foglie, parole sibilline disperse dal poeta al vento, si posino per avere una risposta alla domanda sul ruolo del poeta e sulla sua missione”.

LECCE LA MORTA

Pioviscola, a giugno pioviscola

e vengo a visitarti, quasi di nottetempo,

Lecce la morta

e non mi tolgo neanche i panni di dosso,

gli occhiali, l’unto delle mani

del garage, per la fretta di testimoniarti,

di stendere questo certificato di morte,

visto che sappiamo parlare solo dei morti,

Lecce la morta, da dove ho scritto cartoline

più belle di te

e così t’ho lasciata che pioviscola

su vasi verdi delle tue terrazze,

mentre tru hai già sistemato

le tue anche, i tuoi ori

i tuoi allori no

chè non hai i tuoi poeti che ti cantino,

da perfetta defunta quale sei,

e di giorno non sei più tu,

fulminata come sei da un magro

sole bianco, ma che ti fa sudare,

pei tuoiu ori rimersi sulle carni,

nei tuoi fiori riapparsi già gualciti,

nelle fioraie tristi, nelle tue banche, i taxisti,

il molle clero, gli eurocomunisti,

nei colombi verdeoro telecomandati, ormai…

E’ allora che cominci a morire,

nei tuoi santi di pietra,

nella burocrazia arroccata,

Lecce la morta,

specie di domenica, quando c’è la Messa

e la partita,

e quest’anno sali in serie A

mentre io resto qua

E’ allora che cominci a morire,

nei tuoi santi di pietra,

nella burocrazia arroccata,

Lecce la morta,

specie di domenica, quando c’è la Messa

e la partita,

e ce ne sono mille, centomila, di feritoie,

non solo pei colombi.

Di giorno, quando cominci a morire,

Lecce morta,

neanche Carlo V

avrebbe saputo mettere un po’ d’ordine

livida come sei a metà

tra monastero che non sa pregare

e arena dove soccombe solo

un falso toro di pena.

ROSARIO ULTIMO

Il poeta è un dormiente.

Non destatelo.

Non sa niente.

E’ innocente.

Il poeta è una specie

di sintesi a priori.

Per fare questa casa

mia madre vendette a San Vito

e mio padre fece cessioni sullo stipendio.

Questa casa aveva un patio,

ora vi è un muro divisorio.

L’arancio, il nespolo sono rimasti

di là.

Fra poco il treno, poi le campane del Sacro Cuore,

ricomincia il tuo fermo viaggio.

Il tuo ritratto l’ho messo

fra gli argenti russi

e una pannocchia d’armonia.

//

//

//

3 pensieri su “Ercole Ugo D’Andrea: Il ruolo del poeta e la sua missione”

  1. Testimonio una personale amicizia con Ercole. Ci recammo insieme, lui con Silvana io con Marilena, un pomeriggio a Sant’Isidoro, in uno di quei posti dove i frutti di mare te li buttano addosso per quanti ce ne sono, e ci abbuffammo. Non sapevo che a Ercole piacessero così tanto; io non ero solito, ma quando capita… Fu fuori dall’ordinario dei nostri soliti incontri, fra poltrona e divano, più spesso a casa mia, aveva meno impegni di me e faceva prima a raggiungermi. Per un periodo, fra l’85 e il 90 ci siamo frequentati un bel po’. Ercole parlava di poesia, sognava poesia, ovunque vedeva poesia, si alzava ed era un libro da pubblicare, si sedeva ed un incontro o lettera scritta o pervenuta da Mario Luzi, o altre corrispondenze con Ramat, Macrì, ancora un po’ ed altra poesia da qualche parte o libro che tornava ancora.
    Poi arrivarono i nostri bimbi e con Marilena ci dedicammo soprattutto a loro. Un’estate ci recammo a Civitella Alfedena per un po’ di montagna. E quando si dice caso o provvidenza!, in un bar, era proprio lui, Ercole! Grande meraviglia e tutto il bello degli incontri inattesi.; suo padre era nato lì, e lui ogni tanto ci tornava; ma quel collegamento non lo ricordavo.
    Sono in debito con Ercole, ed anche con Silvana.

    "Mi piace"

  2. Ricordo bene Sant’Isidoro e l’impero di Murciano, con il suo grande centro di allevamento di mitili. Mi capitava di andarci con frequenza, soprattutto nel lungo periodo in cui ho fatto l’ufficiale delle Capitanerie di Porto, e le visite non erano sempre piacevoli ( capitava che ci fossero irregolarità e quindi…).
    Lì, agli albori della “fazenda” dei Murciano, si fece una grandissima scorpacciata di mitili ( ce ne erano di ogni tipo) il grande Niels Liedholm, allora allenatore ,credo , del Varese. E rischiò seriamente di lasciarci la pelle. Non sapevo che tu, Luciano ( ci siamo conosciuti a suo tempo) ed Ercole foste degli assidui, altrimenti ci saremmo incontrati qualche volta…Ma io avrei solo assistito al vostro banchetto ( nonsono divoratore di cozze…anche per fifa)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...