Poesia, Poesie, Scrittori salentini

L’arriru t’aulia signuru

di Nino Pensabene*

ilisd

No tti pinzare

ca jò sontu cchiùi l’àrriru ti nna fiàta,

quiddhru ca li furìsi

chiantànu  intra’a lli fiéi

cu lli paritiéddhri azzàte nturnu nturnu

a ddonca tra ppetre e scrasce

nc’era cu ttimi li sacàre.

 

None, fìgghiu…

la campàgna mia l’ànu cangiata tutta:

Cen-tru rre-si-ten-zia-leène ‘mpillàta mòi

e ccinca bi bb’àbbita gghéte la numbréssa,

ggente ca no bbole cchiùi

cu lli contu a lla manéra  nòscia

pircé, mi tìcinu, ca lu tialéttu

gghé ccosa ca li sape ti illàni.

Ggente strovita sontu…

e nno gghé ca sàpinu sulamènte lu talianu

ma canòscinu  puru

lu cuntàre ti tutte li anne ti lu munnu,

senza lassàre

la lengua ‘ncora cchiù ssapùta 

ti li strèusi.

 

Jò stessu, fìgghiu mia,

nn’àrvilu signùru so’ ddintàtu…

Mi tìcinu ca fazzu ‘nore a lla strampìgna

pircé comu li ecchi  signùri ti nna fiàta

tegnu lu sangu mblunu  intra’a lli ene.

 

E gghé vveru, fìgghiu mia, ca gghé la stessa cosa:

ci a cquiddhri

lu sangu li ddintà nìuru

pircé ncafurchiàti

ti nn’annu a ll’àuru  intr’a lli palazzi,

a mme s’à ffattu nìuru

pi’ ttutti li parìti ca m’ànu azzàtu a nturnu,

parìti àuti fenca li steddhre ti lu celu,

parìti ca m’ànu fattu scirràre

lu sole, lu jentu

e ppuru la ndòre  ti la terra…

 

e ppuru quiddhru

– e cquai ulìa cu cchiàngu, fìgghiu mia –

 quiddhru, cchiù bbeddhru ‘ncora, ti li frati,

quiddhru ca inchìa lu core a lli fìgghi ti Ddiu.

L’albero di ulivo ‘signore’: Non pensare \ che io sia ancora l’albero di una volta,\ quello che i contadini \ piantavano nei feudi \ con attorno i muretti a secco\ dove tra rovi e pietre \ c’era da temere le vipere. \\  No, figlio… \ la campagna mia è stata \ completamente cambiata: \ “Cen-tro Re-si-den-zia le” viene chiamata \ adesso \ e chi l’abita è la noblesse,  \ gente che non vuole più\ che io continui a parlare alla nostra maniera \ perché, mi dicono, che il dialetto \ è cosa che sa loro di villani. \ Persone istruite sono, \ e non è che sanno solo l’italiano \ ma conoscono le lingue di tutto il mondo, \ non tralasciando \ la lingua ancora più dotta \ degli smorfiosi [o scemi]. \\ Io stesso, figlio mio, \ un albero signore sono diventato… \ Mi dicono che faccio onore alla razza \ perché come i signori di una volta \ tengo il sangue blu nelle vene. \\ Ed è vero, figlio mio, che la cosa è uguale: \ se a quelli [ai signori] \ il sangue diventava nero \ perché stipati \ da un anno all’altro nei palazzi, \ a me si è fatto nero \ per tutti i muri che mi hanno alzato attorno, \ muri alti fino a \ toccare le stelle del cielo, \ muri che mi hanno fatto dimenticare \ il sole, il vento \ e pure l’odore della terra… \\ e pure quello  \ – e qui mi vien da \ piangere, figlio mio – \ quello, più gradevole ancora, dei fratelli, \ quello che riempiva il cuore ai figli di Dio.

—–

IN RICORDO DI NINO PENSABENE

Nino Pensabene fu scrittore, poeta e critico nato a Reggio Calabria nel 1942 e spentosi a Roma nel 2013. Sposò la copertinese Giulietta Livraghi Verdesca Zain (1931-2007), originaria di Salice Salentino, anche lei  poetessa, scrittrice e antropologa. Numerosissime le collaborazioni letterarie con la consorte tanto che, dopo la sua morte, Nino Pensabene raccolse, riordinò e organizzò molto del lavoro rimasto inedito. Visse sino alla fine dei suoi giorni impegnandosi giorno e notte in questo lavoro affinché la memoria della “sua Giulietta” – come egli amava dire – non andasse smarrita. Tra gli impegni quotidiani ebbe anche l’ispirazione per comporre alcune poesie, “L’arriru t’aulia signuru” è una di queste. Nel 2012 mi fece dono di questo delicato componimento, credo ancora inedito,  e io ho voluto divulgarla in onore della sua memoria e della sua immensa persona che ha voluto con me condividere momenti di sincero affetto e amicizia.

(Vincenzo D’Aurelio)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...