Poesia, Poesie, Scrittori salentini

Il mio fiore

di Tebe Toma

abbr
Stefano PIALI, “Abbraccio” – (2000), olio su tela

Il mio fiore come un plettro

sulle corde del tuo piacere

pulsa come il sangue

nelle vene,

prima di scoppiare.

Il cuore ad ogni rintocco

ritarda il ritorno.

Vorrei essere io

a consumarti giorno per giorno

e non il tempo che logora

la nostra pelle

nel ricordo di ciò che è stato

brucia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...