Poesie, Scrittori salentini, Scrivere il Salento

La fica ‘ncantata

di Elia Stomaci

fichi
Alessandro Conti, “Fichi” (2010) – Olio su tela
http://www.alessandroconti.org/

 Liberamente ispirata alla fiaba italiana “La scienza della fiacca”

Moi cai tiempi noi hannu spintu

paesan a liticar pe’ fatica

tocca propriu cu rimagnu cunvintu

ca s’ha siccatu l’arbulu de fica.

 

Ve dumandati se c’è ‘na ragione

‘ntra ‘ste parole ca par senza sensu

Se pristati nu picca de ‘ttenzione

Capiti chiaru comu la pensu.

 

Lu tata, te piccinnu, me mandava

allu meiu mesciu ‘spertu de tuttu ;

sutt’alla fica sdraiatu spittava

cu cascia n’terra maturu lu fruttu.

 

Quantu sforzu cu stenda ‘ddha manu

e cu se ‘ccoie ‘ddha fica matura!

Cuntentu e binchiatu ne cuntava

ca era caduta pe’ tropp’arsura.

 

“Comu ole Diu vannu le cose!

nun c’è bisognu furzati la manu!

Se ve ‘ffannati pe ‘mprese fucose

conthru natura ve muviti stranu!”

 

Cusì ne musciava. Nui ‘mparamme

cu futti fica senza faci gnienti,

tantu lu bene te Diu ‘sgranamme

pe’ Pruvvidenza che iuta le genti.

 

Tutt’i pari mei ‘mparu cu mie,

e, com nui, piccinni e ‘cchiù grandi,

li paesani ‘mparara ‘nthra le vie

‘ddhu beddhu pinsare senza cumandi.

 

E la storia troppu bonu ne ‘nsegna

ca mesciu è ‘nzumpatu te discipulu

ca ingegnu finu ole cu ‘mpegna

a ‘ssire mesciu e no manipulu.

 

Criscendu riuscìi cu capiscu:

“La fica, ca se stacca, pote scire

a ‘m bucca mea quandu ‘ntuiscu

lu giustu versu te lu cadire”.

 

Toccu!…. lu ‘mparara tutti quanti.

Se stisera a ucca spalancata:

beddhi e prisciati, cu tanti vanti,

pe’ com sapìa la fica ‘ncantata.

 

Cusì, ‘ncrisciusi, ‘mangiamme lu duce

senza ‘mpegnu e puru senza danni

stisi sutt’all’arbul finu c’è luce

cu la ucca perta e per tant’ anni.

 

L’arbulu te fica s’have staiatu!

Ogni sforzu me storce le ‘nthrame!

Senza nu mestieri e desulatu!

‘Mpisu allu ramu comu salame!

 

 

——–

Notarella biografica:

Dare una definizione del mio stile letterario mi è difficile. Non so se ho uno stile.  E’ un problema che non mi sono mai posto. Se ne sono degno saranno altri ad accreditarmi uno stile. So soltanto che sento una sorta di stimolo ammaliatore che estorce le mie paturnie mentali. Vivo segreti (sedimenti stratificati di gioie e malumori personali) che le situazioni esterne richiamano alla memoria. È tutto condensato nell’intimità e l’effetto scatenante evoca all’esterno.  E anche quando penso di aver dimenticato tutto, ecco che l’occasione riporta in superficie. Allora vi è una “Circe” (scrittura,  pittura,  scultura) che mi obbliga a rivelare. I ritmi vengono dettati dall’impeto che la situazione ha generato nell’intimo. Non devo far altro che seguire una linea fluorescente che mi detta il percorso nell’oscurità mentale. La penna, il pennello, lo scalpello sono i mezzi che corrono dietro quella linea. Mi è facile starle dietro perché è indelebile. E’ tutto tracciato. Si tratti di un foglio di carta, di una tela, di una pietra vi è un impulso che mi detta il percorso. Questa linea è una meretrice che mi travolge come la risacca di un mare in tempesta. O scorro nella corrente o muoio. Gran parte del mio lavoro è costituito da monologhi interiori vissuti quotidianamente. Le dinamiche della mia sensibilità le vivo nell’intimo. Poi supero con altre dinamiche. Poi delle altre. Sino a giungere alla stratificazione delle dinamiche pronte a fuoriuscire nella circostanza. Presumo che la sensibilità ne sia la causa. La sensibilità mi fa andare a fondo alle cose. Mi stimola a non accontentarmi mai dell’epitelio. Ma genera “diversità”.  E’ pesante vivere la condizione di “diverso”. Solo Pochi riescono a coglierlo. Vivo la solitudine. Allora la vita diventa un adattamento alle situazioni per una coesistenza comune. (Elia Stomaci)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...