Poesia

…non sono un poeta…

Tischbein: Ritratto di Goethe nella campagna Romana

…io volevo solo essere me stesso,
volevo solo stare seduto davanti casa
a guardare crescere la sera,
finire di bere l’ultimo bicchiere
prima di spegnere la luce
e dare il bacio ai miei figli
per la buonanotte,

invece mi hanno chiamato Poeta,
gettato in prigioni di stato,
rinchiuso nella torre,
insieme a ladri, assassini e puttane ,
lanciandomi il rancio come ad un vecchio cane,
e costretto a vedere il sole solo al tramonto
dietro il vetro opaco di una finestra lurida.

Mi hanno strappato il vestito e rasato le parole,
mi hanno detto: “Pensa quello che piace a noi”.
Poi han chiuso la porta e serrato i catenacci.

Adesso spingo i carrelli delle belle frasi,
carteggio la luna con miele e assenzio,
bacio le nuvole rigonfie di pioggia
e faccio un saluto educato ai miei aguzzini.

E’ un ergastolo. Fatto con riverenza,
dipinto di pastello e grappa di rose,
senza difesa e senza vie di fuga.

E pensare che volevo solo essere me stesso,
pensare che volevo solo dirti “ti amo”…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...