Poesia, Poesie

Canto alla luna

di Felicita Cordella

Ivan Aivazovsky: Il golfo di Napoli di notte al chiaro di luna – olio su tela (1842)

Mi fido di te, luna,
carezza di luce,
con te, stanotte,
annuso il sale
di questo mare inquieto.

Dalle narici, giù, giù
mi penetra e inebria
brucia la gola, soffoca,
sapori di nuovi spazi inventa,
nuovi infiniti pregusta.

E il cuore è un pescatore di stelle
e, mentre l’onda violenta
infrange ogni sogno,
insegue ammaliato
i segreti delle maree.

Sul nero scoglio infido, tetro
il bianco dell’onda infranta
diviene tastiera
su cui suonare
la sinfonia dei ricordi.

Debolezze tu, luna, non hai
io una ne ebbi: io amai…!
D’ogni pena sii balsamo tu
in questa notte
d’ineluttabile naufragio!

Mi fido di te, luna,
compagna dell’anima mia
eloquente e muta.
Ridammi, se puoi,
i miei infiniti pleniluni perduti.

Annunci
Contrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...