Poesia

Prisma

di Cesare Minutello

Ivan Aivazovsky: Il naufragio sul mar nero pittura a olio
Ivan Aivazovsky: Il naufragio sul mar nero pittura a olio

“solo di solitudine ho bisogno” –Umberto Saba-

(Full moon in Otranto)*

…qui dove il vento
balla la pizzica
è un prisma la luna
sulla lavagna notturna Continua a leggere “Prisma”

Opinioni

Asinerie

di Paolo Vincenti

Vincenzo Bruzzese: ASINO, 1902, olio su tela, 19,50×29,50 cm
Vincenzo Bruzzese: ASINO, 1902, olio su tela, 19,50×29,50 cm

“Ah, formidabile / Il tuo avvocato è proprio un asino  / no, certe cose non si scrivono / che poi i giudici ne soffrono”   .

Parole d’amore scritte a macchina –  Paolo Conte

Parlo di asini. In senso proprio e in senso figurato, nel senso degli animali e nel senso degli uomini. Dalla parte degli animali, sempre. Infatti, come si fa a non amare il simpatico ciuchino, non fosse altro che per solidarietà con la sua vita non certo facile, maltrattato e angariato come è sempre stato.  Per quanto riguarda gli esseri umani poi, ce ne sono di simpatici e ce ne sono di detestabili.  Ma non sarei coerente e credibile se non cominciassi da me medesimo.  Continua a leggere “Asinerie”

Racconti, Scrittori salentini, Tradizioni

Quella volta che vidi la Macara

di Lorenzo De Donno

Caremma salentina
Caremma salentina

Nel Salento i demoni non amano la notte. Nei pomeriggi d’estate, quando il caldo diventa insopportabile e i raggi del sole così bianchi da saturare il cielo e da accecare la vista, abitano la lama di spazio impercettibile che esiste fra la luce e l’ombra. Pochi sono consapevoli di quanto si possa essere vulnerabili attraversando quella linea, anche per una sola frazione di secondo. Continua a leggere “Quella volta che vidi la Macara”

Poesia

Fulserunt quondam candidi soles

Pasquale Scarciglia: Qui Salento (olio su tela, 70×120)

di Felicita Cordella

Ogni mattino spuntava un fiore
che inebriava le ore,
ed ero l’ottava meraviglia.
Oh Catullo… anche per me
“splendettero un tempo candidi soli”!
Il cuore cantava:” L’incanto continua…” Continua a leggere “Fulserunt quondam candidi soles”

Saggio

Dall’amministrazione podestarile alla democrazia

di Vincenzo D’Aurelio

Il trentennio magliese nello studio di Mario Andreano

Copertina

La letteratura storiografica sulla città di Maglie è, nonostante la drammatica scarsità di fonti antecedenti il Quattrocento, abbastanza vasta. Tra la fine del Settecento e per tutto il Novecento la storia cittadina è stata oggetto di importanti ricerche a carattere microstorico il cui contributo ha permesso di svelare buona parte delle antichità comprese tra la fine del XV secolo e il principio del XIX. Per quanto concerne il Novecento, il contributo allo studio del periodo è stato episodico e la non sistematicità delle notizie non ha permesso una lettura organica dei fatti occorsi in quegli anni. Mario Andreano, fine studioso e storico magliese che ha all’attivo numerosi ed editi contributi di storia contemporanea, con la pubblicazione del suo ultimo lavoro dal titolo “Maglie. Dall’amministrazione podestarile alla democrazia, 1919-1946” (Fondazione “F. Capece”, Maglie 2014) pone non solo fine a questa disarmonia ma apporta anche numerose notizie sinora sconosciute e frutto di un tenace lavoro di ricerca durato circa un ventennio. Continua a leggere “Dall’amministrazione podestarile alla democrazia”

Opinioni

Un giorno di ordinaria follia

di Paolo Vincenti

Olio su tela riportata su cartone, cm. 24,5x45
Alberto Ziveri: La coda alla macelleria (Olio su tela riportata su cartone, cm. 24,5×45)

 

In fila all’Inps per una pratica contributiva. Molta gente in attesa. C’è uno che, seduto accanto a me, impaziente, batte rumorosamente il piede per terra e quel picchiettio distoglie la mia concentrazione e mi fa scollare la faccia dal giornale nella cui lettura sono immerso. Continua a leggere “Un giorno di ordinaria follia”

Mitologia

La religione egizia e Iside

Sarebbe estremamente complesso cercare di riassumere in poche righe la pletora di dei che affollavano il pantheon egizio, conseguenza del fatto che l’antico Egitto era suddiviso in 42 distretti, ognuno dei quali aveva un nome legato alla località di origine ed un proprio dio a protezione delle messi e del raccolto. Continua a leggere “La religione egizia e Iside”

Opinioni

Senza più regole

G. Courbet, I lottatori, 1852

 

Una volta si giocava agli indiani, agli sceriffi o guardie e ladri. Ma si giocava, si ‘faceva finta’. Oggi si fa sul serio. Nel Regno Unito si sta diffondendo il Punch 4 Punch: i ragazzi si incontrano per prendersi a pugni, fino ad ammazzarsi. Continua a leggere “Senza più regole”

Scrivere il Salento, Storia

I nomi dei salentini infoibati

sadsdasdasd

Gli eccidi perpetuati nelle foibe sono un chiaro esempio della barbarie umana, quella barbarie istigata dall’ideologia regionalista, alimentata dal malcontento popolare, strumentalizzata per dar vita a totalitarismi e oligarchie governative incapaci di misurarsi col rispetto della vita altrui. Il silenzio durato tutti questi anni è la forma di maggior negazione per quanto avvenne, ne ha depistato la ricerca della verità storica e manipolato le coscienze. Continua a leggere “I nomi dei salentini infoibati”

Cultura salentina, Storia

Giulio Cesare Vanini

 Un filosofo dimenticato

6655 - Roma - Ettore Ferrari, Giulio Cesare Vanini (1889) - Foto Giovanni Dall'Orto, 6-Apr-2008.jpg
“6655 – Roma – Ettore Ferrari, Giulio Cesare Vanini (1889) – Foto Giovanni Dall’Orto, 6-Apr-2008” di G.dallorto – Opera propria. Con licenza Attribution tramite Wikimedia Commons

Giulio Cesare Vanini, di cui sto per scrivere qualche rigo, può essere considerato, alla stregua  di Giordano Bruno, Tommaso Campanella, lo stesso Galileo, un vero  martire della Scienza, un esponente di spicco di quel movimento filosofico chiamato Libertinismo, che rivalutava lo scetticismo greco ed il pensiero di Epicuro. Continua a leggere “Giulio Cesare Vanini”