Poesia

Abitarsi

di Enza Cavalera

Fino all’ultimo piano
Di luoghi non comuni
Alle sintassi del cuore.
Fino alla fine del cielo
Di altostrati addensati
All’orizzonte dell’alba.
Fino all’ultimo sogno
In ogni piccolo scorcio di mare abbarbicato alla luna.
Fino alla semantica del silenzio dove le parole raggiungono l’anima di chi non muore.

Contrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...