Saggio

Giuliano d’Elena: il filosofo del pennello (parte 1/3)

di Stefano Previtero

Giuliano D’Elena ritratto nel suo studio (metà anni ‘90)

Giuliano D’Elena, pseudonimo di Giuliano Chetta, (Taviano, 1947), si laurea e conclude i suoi studi pedagogico-filosofici presso l’Università di Lecce con la tesi sul “Singolarismo nell’arte”, compendio di estetica ed esistenzialismo. Esordisce artisticamente nel 1966 con una scenografia sul “Giulio Cesare” al teatro Tito Schipa di Gallipoli, e si afferma come uno dei maggiori rappresentanti della “neo-figurazione” esistenzialista. Le sue opere sono in collezioni di Gallerie d’Arte e Pinacoteche pubbliche e private, molti sono stati i critici che lo hanno valorizzato. Ha realizzato opere d’arte sacra di grandi dimensioni e molti suoi quadri sono stati scelti per illustrare le copertine di vari libri; egli è stato ideatore e Direttore Artistico della “Biennale d’Arte” città di Gallipoli ed è fondatore della corrente artistico-culturale denominata “Normalismo”. Continue reading “Giuliano d’Elena: il filosofo del pennello (parte 1/3)”

Annunci