Poesie, Scrittori salentini

Nc’era na fiata …

a mia madre

OSVALDO BALLERIO (MILANO, 1870 – AZZATE, 1942) MADRE E FIGLIO”

di Nella Piccinno Marassi

Nc’era na fiata – e ccertu nu nc’è cchiui –

tiempu ca la ttivvù

nu nn’era ncora nata,

e sse cuntàane cunti

cu ppassi la serata.

Nc’era an centru la mbrascera,

ca se nu stivi ncorta,

l’anche te rrussacàa comu sardizza,

e am menzu a nnu silenziu ca ncantava

se sintìa sulamente

na uce ca cuntava:

“Nc’era na fiata …”

Lu core ggià bbattìa,

te mmagginài reggine,

nanniorchi e pprincipesse,

e lli vistivi cu lla fantasìa.

Se spezzava ogne ttantu la mascìa,

percè la carbunella se stutava:

ci primu se ncurgìa

cu lla paletta scanisciòa lu focu.

Poi, le nove! Cce ura ca parìa!

Nui piccinni ttuccava nne curcamu,

e ppuru la cummare se ne scia.

 

La mamma nvece fenca a ll’una e ppassa,

sula cu ssula e lli pinzieri soi,

rrimanìa zzata. Punta dopu punta,

cu nn’acu tuttu d’oru,

pe nnui fije la dota rricamava.

 

Pubblicità

3 pensieri su “Nc’era na fiata …”

  1. Complimenti Nella, bellissima poesia! Avevo nostalgia dei tuoi versi e leggendola sono tornato ai sapori, agli odori, alle parole del vecchio sud.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...