Poesia, Poesie, Scrittori salentini

A ’stu paese c’ete nu misteru

di Franco Melissano

 

politici
Alberto SUGHI, “Politici al ricevimento”, olio su tela, 165×140 cm, 1965

A ’stu paese c’ete nu misteru

ca sta mme truddha an capu

comu nu rusciu t’apu

te quasi cinquantanni.

Ci ttruppa e cate n’ommu o n’animale

è quiddhu ca se sprìcula li tenti,

ci cate lu cuvernu nazziunale

ambece quiddhu nu sse face gnenti

e merchi e pierni su’ pe’ lli pezzenti!

E nun c’è mai na fiata

cu nnu bbegna premmiata

la mamma te li tanni.

 

Cangiàra lu sistema letturale

li mesci t’ascia te lu parlamentu,

ticendu ca la riza te lu male

erane li partiti an aumentu:

e quddhi nu ffijàra a ccentu a ccentu?

La musica nu ccangia,

tuttu nu mangia mangia

e gquai ncora chhiù cranni.

 

A ’stu puntu me vene nu suspettu:

ca forsi la riforma ca nci vole

cu bbegna picca picca te riggettu

pe cci nu bbite luce te lu sole,

nu lla po’ ffare cinca nu sse tole

te poveri e strazzati,

cinca n’ave purtati

rapeste e malanni.

 

Mò senti ce cacciàra te lu mazzu

e bbi’ ci nu tte nnutica lu core.

Nova temocrazzia te lu cazzu:

pe’ llegge cu ddiventa senatore

cinca te le lezzioni stave fore

e mancu a n’itaglianu,

cran populu sovranu,

li mmoscia mai li sanni.

 

Ballatetta mia, nu ffa’ la fessa

cu ccerchi cinca fice la zzappata,

ca nu tte ggiova pporti porci a mmessa.

Vanne a lla ggente c’annu cujonata,

tilli cu nnu la canna quista fiata

ca è sempre na furtuna

ci rimane patruna

cu scucchia quiddhi scanni.

 

 


In questa nazione c’è un mistero. In questa nazione c’è un mistero/ che mi sta frullando nella testa/ come un ronzio d’ape/ da quasi cinquant’anni.// Se inciampa e cade un uomo o un animale/ è lui che si rompe i denti,/ se cade il governo nazionale/ invece esso rimane incolume/ mentre ferite e disgrazie sono per i poveracci!/ E non c’è mai una volta/ che non sia premiata/ la madre dei danni.// Cambiarono il sistema elettorale/ i soloni del parlamento,/ asserendo che la causa del male/ erano i partiti in aumento:/ ed essi non si moltiplicarono a cento a cento?/ La musica non cambia,/ tutto un mangia mangia/ e guai ancora maggiori.// A questo punto mi viene un sospetto:/ che forse la riforma necessaria/ perché arrivi un minimo di tranquillità/ per chi non vede la luce del sole,/ non la può fare chi non si duole/ dei poveri e dei diseredati,/ chi ci ha portato/ danni e disgrazie.// Adesso senti cosa si sono inventati/ e vedi se non ti viene un groppo al cuore./ Nuova democrazia dei miei stivali:/ che per legge divenga senatore/ chi rimane fuori dalle elezioni/ e nemmeno ad un solo italiano,/ gran popolo sovrano,/ fa mai vedere il muso.// Ballatetta mia, non fare la stupida/ al punto da cercare chi fece il colpo di mano,/ chè non ti giova affatto portare porci a messa./ Vai dalla gente che è stata beffata,/ dille di non sbagliare questa volta/ perché è pur sempre un diritto prezioso/ se resta arbitra/ di scegliere quelle poltrone.

Annunci

Un pensiero riguardo “A ’stu paese c’ete nu misteru”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...