Arte, Poesia, Poesie, Scrittori salentini

Groenlandia a Natale

di Cesare Minutello

gustav-coubert-marina-1866
Gustav Coubert: “Marina”, 1866

mi volto verso le cascate

di vento dove

s’impasta l’ora

che non può più tornare

e allungo il passo verso

una groenlandia stringendo

tra le mani i gorghi del tuo iride

mia bella caravella

inzuppata nell’avvento del Natale

di traverso alla terraferma

col suo navigare a bordo

di bonacce e di tempeste

mentre incurante il mare

arruola tra i fondali

sogni d’approdi che il viso

implora dei fuggiaschi

 

un azzurro mangerà l’aria

spingendo le parole

con una vela piena di gioia

come sotto le fronde

schiocca l’espanso dei baci?

m’incammino sul filo

dell’aquilone nel regno dell’astore

ove più in alto

s’innalza la libertà

sull’impronta fradicia del mondo

senza sapere se sarà

crepitante pece del niente

o baia di madreperla il tempo

se cadrà l’inedia sugli amori

se sarà d’appuntito nevischio

la felicità

2 pensieri riguardo “Groenlandia a Natale”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...