Poesia, Poesie

Palore

di Franco Melissano

 

© Giuseppe Diso: Copia di Figura (olio su tela, cm 60×100, 2010)

Addhu penzi ca vai cu ‘ste vuci?

Francu, dimme, cce bbè ca te rimane?

Lu sule va sse nguccia quandu è mmane,

cu lle palore nun pporti e nun nduci.

 

Rronceddhatu a lla seggia comu ncruci,

te passane li ggiurni e le simane,

e scrivi cu ll’artetica a lle mane;

Francu, dimme, addhu ete ca sta’ fusci?

 

Quandu scjnucchi sutta llu faggione

nu ppenzi ca se spicciau te tuttu?

Ma se nu sime armenu è chiantatu,

 

se zzicca, vene a lluce e dave fruttu,

allora poti dire, cunzulatu,

forsi c’era nu filu te raggione.

 

 

Parole. Dove pensi di andare con questi discorsi?/ Franco, dimmi, cos’è che ti resta?/ Il sole si va a nascondere quando è mattino,/ con le parole non concludi nulla.// Rattrappito sulla sedia come in croce,/ trascorrono i giorni e le settimane,/ e scrivi con la smania nelle mani;/ Franco, dimmi, dov’è che stai correndo?// Quando cadrai in ginocchio sotto il falcione/ non pensi che sarà finita ogni cosa?/ Ma se un seme almeno è piantato,// se attecchisce, viene alla luce e dà frutto,/ allora potrai dire, consolato,/ forse c’era un esile motivo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...