Poesia, Poesie

La Musa

di Franco Melissano

Quandu se minte fface la puntusa

nun ave santi: ttocca llassu stare.

Ci à ddecisu ca nu mm’à ccuntare

è bbona ttrova sempre quarche scusa.

 

La fimmena, se sape, è capricciusa

e cangia comu l’acqua te lu mare:

nun à spicciatu te strozzulisciare

ca già sta te ncarizza e face fusa.

 

Ffiate te face ppassi ure mare,

quandu pe gnenti te minte lu musu;

ma ci capisci ddhu linguaggiu astrusu,

 

li mini vasi e fiuri a ccentinare,

te canta versi duci lli ssapuri:

cussì ’ncora te cchiui te nnamuri.

 

La Musa. Quando comincia a fare l’ostinata/ non ci son santi: devo lasciar perdere./ Se ha deciso che non mi deve parlare/ è capace di trovare sempre qualche scusa.// La donna, si sa, è capricciosa/ e cambia come l’acqua del mare:/ non ha ancora finito di brontolare/ che già ti accarezza e ti fa le fusa.// A volte ti fa passare ore amare,/ quando per un nonnulla ti mette il broncio;/ ma se capisci quel linguaggio astruso,// le getti baci e fiori a centinaia,/ ti canta versi dolci da gustare/ così ancor di più te ne innamori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...