Poesia, Poesie

Lieve è l’autunno

di Giuseppe Santoro

Mario Sampieri: ‘Pomeriggio d’autunno’ – (acquerello 18×24)

Lene il suo passo levita
tra le prime brume del mattino
appanna gli intorpiditi sensi di un’estate
che assai greve ha lasciato il segno
silente discreto ne limita i frastuoni
e gli amori che all’alba di un altro dì
mestamente si sono accomiatati invano
da un cosmo che più non gli appartiene,
riposte le dolenti e ombreggianti sensualità
tra una sabbia che gli arroganti agostani venti
hanno reso ondeggiante e incerta come gli addii,
vani melensi saluti di un finto arrivederci.

Lento, stremato quasi, il mio andare accompagna
gli ultimi ingannevoli sentimenti
per poi domani fissare i suoi occhi
sul mio vecchio e stanco iride di vetro.

settembre 17

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...