Poesia, Poesie

Lu pane e le rose

di Franco Melissano

Salvatore Leone: Bosco in Autunno (Olio su Tela 100 x 150)

 

“E nu pperdire tiempu cu ’sti versi,

ca nun è rrobba ca se po’ mangiare;

te glorria nun c’è mancu te cuntare:

suntu sutori, sordi e giurni persi!

 

Ffranchi cu ddici ‘Quisti su’ diversi

te l’addhi scritti prima’, ca me pare

ca la simente t’intra a lle filare

nu ccangia ci la minti a ffondi scersi.”

 

“Ci me tici cussì, azzu le mane.

Però ttocca mme spiechi percè canta

lu puddhicinu quandu face mmane

 

comu nu tiscu ruttu ca se ’ncanta.

Nun ete ca cantandu iddhu se bbinchia,

ma senza, la sciurnata nun è minchia?!”

 

Il pane e le rose.” E non perdere tempo con questi versi,/ che non è roba che si possa mangiare;/ di gloria nemmeno a parlarne:/ sono sudori, soldi e giorni persi!// Puoi fare a meno di sostenere che questi son diversi/ dagli altri scritti prima, perché mi sembra/ che la semente nei filari/ non cambi se la semini in terreni incolti”.// “Se mi dici così, alzo le mani./ Però mi devi spiegare perché canta/ l’uccello in sul mattino// come un disco rotto che si incanta./ Cantando quello non si sazia mica,/ ma senza (canto), la giornata non è scialba?!”

Annunci

2 pensieri riguardo “Lu pane e le rose”

  1. Splendidi versi in vernacolo salentino e confortevole conclusione della lirica con il riferimento all’uccello: “Nun ete ca cantandu iddhu se bbinchia,
    ma senza, la sciurnata nun è minchia?!”

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...