Cultura salentina, Poesia, Poesie

Rammendi di coraggio

Foto di Maria Pacoda

di Angela Perulli

Respiro ancora il mirto
l’aneto ed il ginepro
tra ali di salsedine
rammendo quel che ero.
Con fili d’erba ed aghi di pino
m’ appresto
a disegnare il tempo
del biancospino
compagno mite
delle mie salite
tra i giochi spensierati
ormai dimenticati.
Con lembi d’arsa terra
attendo che la pioggia
riscopra la mia gioia
e copra silente la ferita
offerta come vittima tradita.
Rammendo tasselli di ideali
con mani stanche prive d’ali
e mi ritrovo
esausta, china e disillusa
tradita anche dalla musa.
Dove sei poetare dell’ incanto?
Versa il tuo nettare e donalo
nel vento.
Spargilo come seme in questo dì
di maggio
prendimi nel volo
rendimi il coraggio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...