Poesia

Canzone notturna

di Salvatore Toma

Lucian Froid, 1990 Oil on canvas

Quando morirò

io mi sentirò bene lo stesso

e fresco e semplice

come una volta.

Quando il colpo alla tempia

mi ucciderà

io starò ancora più bene

conserverò sempre

il mio odore selvaggio

e sfiderò il vento

con l’identico stile

di questa sera d’inverno.

Starò sempre e bene comunque.

Anche da morto

io sarò un ribelle

uno strano tipo

giacché non c’è altro modo

oltre la morte

di curare i rimorsi i dispiaceri

la noia i soprusi

le bruttezze le violenze

i capogiri della vita.

Mi sentirò bene anche da morto

e puro e semplice e ribelle.

 

9 dicembre 1979

La poesia è pubblicata con la gentile concessione della moglie Paola Antonucci Toma

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...