Cultura salentina, Scrittori salentini

Tu sai già…

di Daniela De Pascalis

Giuseppe Diso: ritratto

Tu sai già che è così che mi gioco i pensieri. In quel rapporto sempre cercato, intimamente mio. Con te.
Come quelle volte in cui decido di entrare e percorrere la tua casa e mettermi di fronte a te al centro dell’altare. Non sono le mani in bocca, o sulla punta del naso a chiedermi il silenzio. È sovraccarica l’anima, certe volte, di quella tangente di malinconie sempre lì ferme sul petto. Tanto poi deglutisco. E tutto passa. Anche le orecchie la smettono di ovattarsi dai rumori. C’è sempre l’acqua santa che io cerco ansiosa in entrata e in uscita, dovesse accarezzare meglio i miei zigomi perfetti. I lineamenti senza indugi. Gli occhi che mangiano il tempo. La bocca che inspira e mi fa scoppiare i polmoni. Avanza sempre qualcosa. Che mi fa da sgambetto alle intenzioni.
Allora tu mi hai detto della pazienza, credo di averti ascoltato. Adesso dimmi delle mani senza le quali non viviamo. Ché io non lo so perché non ce la facciamo. E tu lo sai dalle linee mie, qui tra le sopracciglia e agli angoli degli occhi. Afferra quella tangente e strappala via dalla mia anima.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...