Poesia

Ninella

Giusy Agrosì

A susu alli cuccetti de leccisu
‘Nc’era na limma
De robbe mmaculate
Llavate alla lissia

Chianu Ninella rifiatava
Li stornelli de na fiata
Spandia allu sule
Friddu de ddhu jernu
Pinzieri e culacchi della sira

Allu filu de fierru
Jentuliscianne
Comu chiasciuni
Li sonni mai sunnati
Puru lu core sou
Ulava
‘Mmennzu ddhe nuhole

Brillanne intrha all’occhi
Ricordi de lontanu Amore
‘Mpasciati
Su llu piettu
Scusi rretu na spilla ‘ntica.

Ninella ccose ogneccosa
Inthra lu mantile pintisciatu
Se riggettau la facce
E se cunzau la crocchia
Se fisse la ucca a risu
E scise lu scalandrune de la Vita.

2 pensieri su “Ninella”

  1. Che dire? Quando mi son ripetuti questi versi mi sono ricordato quando ragazzino nelle contrade salentine ascoltavo dietro i vicoli e le piccole piazze questi suoni “materni”. Estasiato, senza capire quasi nulla, ero trascinato dalla cantilena.
    Mia nonna, originaria di Manduria, mi parlava con un dialetto, credo di poco differente, ma quel che era essenziale erano le atmosfere che dal mattino alla sera si ripetevano incessanti intorno a me. Ricordi cari per me, oggi atmosfere barbariche ci circondano, ed è una fatica non soggiacere ad esse.
    Grazie.
    Antonio sagredo

    "Mi piace"

  2. La difficoltà di traduzione di alcune parole sospende la piena assimilazione del componimento.
    (Qual è la varietà di dialetto salentino? di Maglie? di Muro Leccese? di Cutrofiano?)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...