Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Nascì cu sbattu senza bentu

di Franco Melissano

“Pemaquid Light,” Edward Hopper, 1929, watercolor on paper, 14 x 20″, Portland Museum of Art

Eppuru jata a ttie, amicu miu,
ca an celu viti sulu lu celeste,
ca bbabbi cu llu sule e ccu lla luna
e vvuli ntortijatu a lle cumete.

Iu ca nascì cu sbattu senza bbentu,
ci me mbriacu te ndore te lu mare,
a ffurmine va’ ppenzu a lle fiumare
te micranti ca addh’intru se nfucara;
qguardu la rosa an bocciu su llu stelu
ca russuliscia comu sangu vivu
e ggià la visciu menza spampanata;
sonnu cu ll’occhi perti e rrendu an celu
cumete culurate te speranze,
ma nun c’è ffiata ca lu jentu maru
nu mme le bbucca an terra tutte quante.

E vvisciu cu llu sule ertu an celu
lu furmine ca cate allaffallante
e sprìcula la lizza seculare,
struncunisciata, nivra, sangunante,
mparu a lla mazzureddha tenereddha
ca nu rrivàu cu nchiuppa le vulie.

E bbona nne vascia, nu tte llutire,
ne rusica lu tiempu a cchianu a cchianu
finca nu svacantisce core e mmente
finca nci lassa la scorza te fore,
bbona pe llu chiavutu sulamente.

Eppuru jata a ttie, amicu miu,
ca an celu viti sulu lu celeste.

Nacqui per tormentarmi senza tregua. Eppur beato te, amico mio,/ che in cielo vedi solamente il celeste,/ che ti incanti estasiato dal sole e dalla luna/ e voli attorcigliato agli aquiloni.// Io che nacqui per tormentarmi senza tregua,/ se mi inebrio dell’odore del mare,/ immediatamente penso al numero sterminato/ di migranti che annegarono in esso;/ guardo la rosa in boccio sullo stelo/ che rosseggia come sangue vivo/ e già la vedo quasi sfiorita;/ sogno ad occhi aperti e libero in cielo/ aquiloni colorati di speranze,/ ma non c’è una sola volta che il vento crudele/ non me li faccia cadere a terra tutti quanti.// E vedo mentre il sole è alto nel cielo/ il fulmine che piomba all’mprovviso/ e distrugge la quercia secolare,/ stroncata, nera, sanguinante,/ insieme con la giovane pianta d’ulivo ancora tenerella/ che non giunse nemmeno a dare una manata di olive.// E bene che ci vada, non illuderti,/ ci rode il tempo lentamente/ finché non ci svuota il cuore e la mente/ finché non ci lascia che l’involucro esterno,/ inesorabilmente destinato al feretro.// Eppur beato te, amico mio,/ che in cielo vedi solamente il celeste.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...