Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Circhiu ccantatu

di Nicola G.De Donno

– a Donato Valli –

FREUD, Lucian: Ritratto del Barone H.H. Thyssen-Bornemisza, 1981-1982

Oreste, Andrea, Tunatu,
tanti autri, e Irene e Giggi, Giggi meu,
siti vui ca muriti, o suntu jeu,
unu unu ca a lli vivi ve ne lleu,
a stu circhiu ccantatu
a ddu, senza mme sacciu, ncatinatu
me stau: e ssarà su’ gnenzi puru jeu?
Percè st’idea m’è fforte a ddiggerire?
forsi è ca de la carne stu pilèu
nu ll’ole sta raggione ca su’ jeu?
Su’ jeu, pe fforza e mmaldistinu meu?

15/3/998

-da PALORE, Sheiwiller, Milano,1999-

Cerchio ferrato. Oreste(Macrì), Andrea(Rotella), Donato(Moro)/
tanti altri, e Irene e Gigi, Gigi mio,/ siete voi che morite,
o sono io/ che ad uno ad uno ve ne levo dai vivi,/ in questo
cerchio ferrato/ dove, senza esserne consapevole, incatenato/
mi sto, e forse sono niente pure io?// Perché questa idea mi
è dura da digerire?/ forse è perché questo piagnisteo della
carne/ non lo vuole questa ragione che sono io?// Sono io, per
forza e malvagio destino mio?
(-Ccantare è il verbo, di etimo latino, con cui si indicava l’applicazione
a caldo del cerchio di ferro, a contenimento delle grandi ruote dei carri, composte di legni.-)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...