Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Le libbertà

di Nicola G. De Donno

a Donato Moro

Jean Francois Millet: Pastore che tende il suo gregge

Essendu ca su’ nnatu pecuraru,
tuttu lu santu ggiurnu a ccumpagnìa
stau de la mandra, e mpannu. Quannu rria
l’ura de sira, me ne tornu am paru
cu lle pècure toi a lla massarìa.
Tu me dai fave e ppipirussu maru,
e lla vita me porta de zzucaru
retu pe rretu su nn’unica via.

Llèame, patrunu meu bbenefattore
ca me dai pane, sta curiosità:
pe unu comu mmie, de cce sapore

m’ànnu ssapire certe libbertà
ca tu l’ài scritte a lla Custituzzione,
presempiu de parola e dd’opinione?

1970

Le libertà – Poichè sono nato pecoraio,/ tutto il santo
giorno in compagnia/ sto del gregge, e m’addormento.
Quando arriva/ l’ora di sera, me ne torno insieme/ con
le tue pecore in masseria./ Tu mi passi fave e peperone
amaro,/ e la vita mi porta come i funai/ sempre più
indietro su un’unica via./ Toglimi padrone mio benefattore/
che mi dai pane, questa curiosità:/ per uno come me, di che
sapore/ mi devono sapere certe libertà/ che tu hai scritte
nella Costituzione,/ per esempio di parola e d’opinione?

(riduzione in prosa italiana di Donato Moro)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...