Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Corianu e lli Turchi (parte prima)

di Franco Melissano

( pubblichiamo in nove parti la raccolta di diciotto sonetti della silloge Curianu e lli Turchi, apparsa nel 2017 presso le Edizioni Grifo. Proprio quest’anno, a livello nazionale, le case editrici stanno dando alle stampe,con rinnovato interesse, volumi in dialetto di autori come Zanzotto, Baldini, Loi, et.etc. Qui il nostro Melissano si produce in un notevole affresco in cui la storia e la memoria confluiscono e danno spunto alla creazione poetica in un affascinante connubio di metafora, mito, ricordi tramandati di generazione in generazione e sconfinanti nella creazione/messinscena poeticamente astratta eppure ancorata alle radici del passato -n.d.r.- )


I


Le straggi

Prima cu sse ppresenta a llu castieddhu
lu Turcu ia già mandatu nnanti
la fama te quantu foe caleddhu
a Otràntu, cu ttutti l’abbitanti.

Lu populu minutu, cchiù pareddhu,
ca ìane pijatu a ll’affallanti,
ia fattu la fine te lu ceddhu
rranfatu te lu farcu a quattru istanti.

Ddhi Mussurmani, latri senza core,
ìane sfraceddhatu a mmanu mmanu
Usciànu, Muru, Maje e Ccutrufianu,

scannandu a nnome te l’Allà Ssignore
li vecchi, li stroppiati e lli vagnoni
cu l’addhi ca pe schiavi nu ssu’ bboni.

Le stragi. Prima di presentarsi davanti al castello (di Corigliano)/ il Turco si era fatto precedere/ dalla fama di quanto era stato clemente/ a Otranto, con tutti i suoi abitanti.// Il popolo minuto, più sventurato,/ che avevano colto di sorpresa,/ aveva fatto la fine dell’uccello/ ghermito dal falco in quattro istanti.// Quei Musulmani, spietati predoni,/ avevano sfracellato man mano/ Uggiano, Muro, Maglie e Cutrofiano,// uccidendo in nome del dio Allah/ vecchi, invalidi e ragazzi/ insieme con gli altri che non potevano essere utilizzati come schiavi.

II

Carrara te sangu

Cinca ia fattu ttiempu sse rripara
nun è ca stia mutu ncardasciatu,
penzandu a cce sorta te carrara
li Turchi arretu s’ìane lassatu.

Ci ete ca nu ssapia ce ccappara
quiddhi ca nun avìane necatu
la fete ca li siri li ’mparara?
Nun ete ca bbastava lu fossatu,

lu mastiu, li pariti e lli torrioni
cu ffermane ddhi bbarbari demoni!
“Serve lu iutu te lu Patreternu

cu tte sarvi te Turchi e tte lu ’nfiernu”:
cussìne preticava a tutte vande
papa Lisandru, lu prete cchiù crande.

Sentiero di sangue. Chi aveva fatto in tempo a rifugiarsi/ non è che stesse molto tranquillo,/ pensando a che sorta di sentiero/ i Turchi si erano lasciati dietro.// Chi non sapeva cosa era capitato/ a coloro che non avevano abiurato/ la fede che gli avevano trasmesso gli antenati?/ Non bastava certo il fossato,// il mastio, le mura ed i torrioni/ per fermare quei diavoli barbari!/ “Serve l’aiuto del Padreterno// per poterti salvare dai Turchi e dall’inferno”:/ così andava predicando dappertutto/
don Alessandro, il prete più anziano.

Continua a leggere >>

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...