Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Corianu e lli Turchi (parte seconda)

di Franco Melissano

<<Leggi la prima parte

III

Don Frangiscu

Ognunu ’ncigna ddice l’orazzioni,
ma lu Frangiscu, dicu Te li Monti,
ca s’era ccotu mpressu li cchiù boni,
disse: “Quisti te ttocca cu lli ffronti.

Su’ velenosi comu li scurzoni.
Parblè! Ttocca cu stamu armati e pronti!
Nu ssacciu quali suntu le ntenzioni
te lu Signore contru ’sti caronti.

Sapìti lu proverbiu comu tice:
cu tte iuta Cristu, t’ai iutare.
Ddumàti l’oju, pijati la pice,

ca li Turchi già zziccane rrivare.”
Le fìmmene e llu prete li lassara
e quiddhi li cannoni preparara.

Don Francesco. Ognuno inizia a dire le orazioni,/ ma Francesco, dico il De’ Monti,/ che aveva chiamato a raccolta presso di sé i più valorosi,/ disse: “Questi ti tocca affrontarli.// Sono velenosi come i serpenti./ Parbleu! Dobbiamo stare armati e pronti!/ Non so quali siano i disegni/ del Signore contro questi malvagi.// Sapete come dice il proverbio:/ perché ti aiuti Cristo, ti devi aiutare./ Accendete (il fuoco per) l’olio, prendete la pece,// che i Turchi già cominciano ad arrivare.”/ Le donne ed il prete li lasciarono/ ed essi prepararono i cannoni.

IV

Li Turchi

Lu tiempu cu tte ’nfacci e rrivara
cu bbandiere, tamburri e ccu tturbanti;
lance, ermi e scimitarre scintillara,
èrane muti, nu vve dicu quanti.

Rrivati a ccertu puntu se fermara,
forsi pe ntercessione te li santi,
forsi te li cannoni se ddunara,
com’ete ete, num binnera nnanti.

Li Corianesi e lli rifuggiati
stìane tra ppaura e speranza,
quiddhi nu sse tèsera cchiui canza,

vanzàu nu trappellu te rraggiati.
Però fìcera cu lli saccia mara:
cu nna scarica venti spriculara.

I Turchi. Il tempo di affacciarti ed arrivarono/ con bandiere, tamburi e con turbanti;/ scintillarono lance, elmi e scimitarre,/ erano molti, un numero enorme.// Arrivati ad un certo punto si fermarono,/ forse per intercessione dei santi,/ forse si accorsero dei cannoni,/ comunque sia, non vennero avanti.// I Coriglianesi ed i rifugiati/ eran sospesi tra paura e speranza,/ quelli non temporeggiarono più,// avanzò un drappello di furibondi./ Però gliela fecero pagare amaramente:/ con una scarica (d’artiglieria) ne sbrindellarono venti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...