Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Corianu e lli Turchi (parte terza)

di Franco Melissano

 

 

V

Cunsiju su llu pratu

Quandu vitte lu mundu marparatu
chiamàu lu Pascià quattr’uffiggiali
intra nna tenda, a llocu riparatu,
cu pparla te le cose cchiù ssenziali.

Ce ddìssera nu ll’aggiu mai mparatu
ca nu sse su’ truvati li verbali
te ddhu cunsiju fattu su llu pratu;
certu stìane comu ll’animali.

Quiddhu ca iu mo’ vi pozzu tire
è sulu ccenca quiddhi cumbinara:
mìsera sentinelle a nnon finire

e vverzu tramuntana lluntanara.
Lu laccu te lu Mùrica pijàu,
pe ll’acqua, lu Pascià e sse ccampau.

Consiglio sul prato. Quando vide la mala parata/ il Pascià chiamò quattro ufficiali/ sotto una tenda, in un posto al riparo,/ per discutere delle cose più importanti.// Cosa si dissero non l’ho mai appreso/ perché non sono stati trovati i verbali/ di quel consiglio tenuto sul prato;/ certamente erano molto adirati.// Ciò che adesso io vi posso dire/ è soltanto quel che essi combinarono:/ misero sentinelle a non finire// e si allontanarono verso nord./ Prese la pozza del Mùrica (dolina a pochissimi chilometri da Corigliano),/ per l’acqua, il Pascià e si accampò.

VI

Lu ssediu

La sira se vitìane li fochi,
rrivàvane li canti te luntanu:
ballàvane e ffacìane li sciochi
te li surdati quandu fermi stanu.

Passàra giurni cupi e ffilu pochi,
lu pane scarcisciava a Ccorianu,
mancu papagna nc’era cu tte trochi,
sculava pe lla fame ogni cristianu.

Lu Totu, lu Coletta e llu Giuvanni,
carusi arditi sutta lli vent’anni,
vitendu li piccinni ddeperire,

nzistìane ca fore s’era essire.
Ma don Frangiscu, capitanu veru,
mmosciàu te la saggezza lu sentieru.

L’assedio. Di sera si vedevano i fuochi,/ giungevano i canti da lontano:/ ballavano e facevano i giochi/ dei soldati che stanno in ozio.// Trascorsero giorni cupi e non pochi,/ a Corigliano scarseggiava il pane,/ non c’era nemmeno decotto di papavero per drogarti,/ per la fame tutti deperivano (si consumavano come una candela).// Salvatore, Nicolino e Giovanni,/ giovani ardimentosi al di sotto dei vent’anni,/ vedendo i piccoli deperire,// sostenevano con insistenza che si doveva uscire fuori (che era necessaria una sortita)./ Ma don Francesco, da vero capitano,/ mostrò la via della saggezza.

Leggi la precedente <<

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...