Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Corianu e lli Turchi (parte quarta)

di Franco Melissano

VII

Ce strata s’à ppijare?

“Lu Turcu s’ave spasu a ttutte parti,
nun c’è ciuveddhi ca ne po’ iutare,
nu ggìovane surtite e mmancu assarti,
addha è la strata ca s’ave truvare.”

Cu ste quattru palore su lli sparti
lu Te li Monti li sippe nchiuvare:
parìane ttaccati cu lli nzarti,
ciuveddhi ippe core te fiatare.

Nc’era addhi tiempi nu vecchiu sbinnonnu
ca, se nu sbaju, se tenìa Donnu:
pe lla furbizzia nun era crisciutu,

cuntava pocu, ma pisava mutu.
“Cquai ttocca facimu com’Ulisse”;
ci leggi dopu sai cce addhu tisse.

Che strada si deve prendere? “ I Turchi si sono sparpagliati dappertutto,/ non c’è nessuno che ci possa aiutare,/ non giovano sortite e nemmeno assalti,/ altra è la strada che occorre trovare”.// Con queste quattro parole sugli spalti/ il De’ Monti seppe inchiodarli:/ sembravano legati con le funi,/ nessuno ebbe coraggio di fiatare.// In quei tempi c’era un vecchio bisnonno/ che, se non vado errato, faceva Donno di cognome:/ non era cresciuto per la furbizia,// parlava poco, ma pesava (valeva) molto./ “Qui dobbiamo fare come Ulisse”;/ se leggerai il seguito saprai cos’altro disse.

VIII

Ricotta te cristiane

“Iti penzare ca s’annu straccati
cu spèttanu la resa, quiddhi cani.
Su’ tanti giurni ca stannu minati
e ssu’ te carne comu nnui cristiani.

Ci li cunvinci ca stamu parati,
ca teni vettuvàja a cchine mani,
statte sicuru, l’ai cujonati,
e sse ne vannu quiddhi mussurmani.”

La storia tice ca fice ricotta
cu llatte te le mamme corianesi;
la vite lu Turcu ca stae sotta:

penza c’ave rrobba pe mmesi e mesi.
Fusciendu a llu Pascià rriva la nova,
ma ambece sse ne vae, vole pprova.

Ricotta di donne. “Dovete pensare che si sono stancati/ di aspettare la resa, quei cani./ Son tanti giorni che stanno fuori di casa/ e sono di carne come noi cristiani.// Se li convinci che stiamo forniti,/ che tieni vettovaglia a piene mani,/ stattene certo, li hai gabbati,/ e se ne andranno quei musulmani.”// La storia dice che fece ricotta/ con il latte delle puerpere coriglianesi;/ la vede il Turco che sta sotto (gli spalti):// crede che ci siano viveri per mesi e mesi./ Immediatamente giunge la nuova al Pascià,/ ma invece di andarsene, ci vuole provare.

Leggi dall’inizio >>

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...