Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Corianu e lli Turchi (parte quinta)

di Franco Melissano

IX

Nvocazzione a lle Muse

Moi ca su’ rrivatu a lla ’nchianata,
cumbiene ccercu iutu a lla Musa,
anzi ttocca lli chietu puru scusa
ci sta llu fazzu a opera ’ncignata.

Speranza a ddiu cu nu ll’a’ mbersata.
Forsi sta cosa moi nu sse usa;
ma la materia è nu picca astrusa:
su’ cose turche, e tt’epuca passata!

Ca mo’ nu ssacciu comu l’aggiu ffare!
A quale Musa m’àggiu rrivolgire?
A quiddha specialista te ste cose

o a lla mia ca sempre me vose?
Ci la lassu nu ss’ave ’ngelusire?!
A tutte ddoi: nu sse po’ cannare.

Invocazione alle Muse. Adesso che sono giunto alla salita (alla parte più difficile),/ conviene che cerchi aiuto alla Musa,/ anzi le devo anche chiedere scusa/ se lo sto facendo ad opera iniziata.// Speriamo che non se la sia presa./ Forse questa cosa adesso non usa;/ ma la materia è un po’ astrusa:/ son cose turche, e d’epoca lontana!// E che adesso non so come condurmi!/ A quale Musa mi debbo rivolgere?/ A quella specialista di queste cose (Calliope)// o alla mia (Erato) che sempre mi amò (mi ispirò)?/ Se la lascio non si deve ingelosire?!/ A tutte e due: non si può sbagliare.

X

Strateggia turca

Ncora nun era mancu lucisciutu
quandu se ntise tuttu rimbombare:
lu tiempu cu ddumandi a Ccristu iutu
li viti a cran galoppu nvicinare.

Te notte, scusi scusi, cittu e mmutu,
lu Turcu la manovra sippe fare:
mentre a ppunente sciu lu cchiù mmutu,
fochi a llevante mise a frasturnare.

L’attaccu era studdiatu a ttavulinu:
rrivare a ccorpu addhù c’è la Caporta,
cacciare li cannoni fore sciocu,

mintendu lu castieddhu a fferru e ffocu.
Però la cosa loru sciu torta,
Corianu ia mantenire: era destinu.

Strategia turca. Ancora non era nemmeno albeggiato/ quando si sentì un gran rimbombo:/ il tempo di domandare aiuto a Gesù Cristo/ li vedi avvicinarsi di gran galoppo.// Di notte, senza farsi vedere, silenzioso e muto,/ il Turco seppe fare la manovra:/ nel mentre se ne andava con il grosso a occidente/ accese dei fuochi ad oriente per trarre in inganno.// L’attacco era studiato a tavolino:/ arrivare all’improvviso dove ora c’è la Caporta,/ tagliare fuori gioco i cannoni,// mettendo il castello a ferro e fuoco./ Però la cosa gli andò male,/ Corigliano doveva resistere: era destino.

Leggi dall’inizio >>

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...