Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Corianu e lli Turchi (parte sesta)

di Franco Melissano

Parte quinta

XI

L’assartu

Unu nvicina, l’addhu mpoggia scale,
ci tira frecce e cci riesce ssale;
erane sverti, vecchi a llu mestiere,
zumpàvane, parìane pantere.

Focu, criti, casinu ggenerale,
la cosa s’era misa propriu male;
lottava lu villanu e llu messere,
fermu nu stia nuddhu balestriere.

Lu primu assartu lu cacciamme arretu
e ccu sse ponnu meju cuncertare
ncignara ddh’animali a lluntanare,

quandu nu cannonieri, l’Anacletu,
ngrija nu corpu a mmenzu lle bandiere:
face zzumpa cavaddhu e ccavagliere.

L’assalto. Uno si avvicina, l’altro appoggia delle scale,/ chi scaglia frecce e chi riesce a salire su;/ erano svelti, vecchi all’arte,/ saltavano, sembravano pantere.// Fuoco, grida, confusione generale,/ la faccenda s’era messa proprio male;/ lottava il villano e il signore,/ fermo non stava alcun balestriere.// Il primo assalto lo respingemmo/ e per meglio potersi riorganizzare/ quelle belve cominciarono ad allontanarsi,// quando un cannoniere, l’Anacleto,/ mette a segno un colpo in mezzo alle bandiere:/ fa saltare cavallo e cavaliere.

XII

Lu Turcu se rritira

Mo’ su’ sicuru ca a ’stu frattantu
vi ddumandati ci era ddh’ottumanu;
cu ccrande presciu voju vve lu cantu:
ccòsera lu Pascià, lu capitanu!

Nu ddicu filu quiddhu te Otràntu
ca cumandava l’esercitu sanu,
ma quiddhu ca vulìa campusantu
cu fazza lu castieddhu te Corianu.

Li Turchi, quandu vìttera catire
lu comandante loru sfraceddhatu,
pèrzera vuluntà, pèrzera ardire.

Dopu ca se l’ìppera caricatu
subbra nnu sciarabbà cu frange e ffioccu
se rritirara versu lu sciroccu.

Il Turco si ritira. Adesso sono certo che in questo momento/ vi state chiedendo chi fosse quell’ottomano;/ voglio cantarvelo con grande gioia:/ colpirono il Pascià, il capitano!// Non dico quello di Otranto/ che comandava l’intero esercito,/ bensì quello che voleva in cimitero/ ridurre il castello di Corigliano.// I Turchi, quando videro cadere/ il loro comandante sfracellato,/ persero volontà, persero coraggio.// Dopo che l’ebbero caricato/ su di un biroccio con frange e fiocco/ si ritirarono verso sud-est.

Leggi dall’inizio >>

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...