Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Corianu e lli Turchi (parte settima)

di Franco Melissano

XIII

Dopu la battaja

Parte sesta

Comu dopu nu forte scarcanizzu
tutti vannu girandu a ogni pizzu
cu vitene ce be’ ca ave scquajatu
e quiddhu ca la sorte ave sarvatu,

cussì ci prima stia chiusu a rrizzu
mo’ esse cu vva vìscia ce strafizzu
lu Turcu cu l’assartu a’ ccumbinatu,
ci cu llu iatacanu a’ sventratu.

Criti te gioia e criti te dulore,
se cuntane li morti e lli feriti,
e ddon Frangiscu, lu crande signore,

se gira li torrioni e lli pariti,
se ferma addhuncatete e dda’ cunfortu
a lli stroppi, a ccinca ippe lu mortu.

Dopo la battaglia. Come dopo (il passaggio di) una forte tromba d’aria/ tutti vanno girando in ogni dove/ per vedere cos’è che ha distrutto/ e quel che la sorte ha salvato,// così chi prima stava rintanato (chiuso a riccio)/ adesso esce fuori per vedere che strage/ il Turco ha combinato con l’assalto,/ chi ha sventrato con lo yatagan.// Grida di gioia e grida di dolore,/ si contano i morti e i feriti,/ e don Francesco, il gran signore,// fa il giro dei torrioni e delle mura,/ si ferma dappertutto e dà conforto/ ai feriti, a chi ha avuto il morto (tra i parenti).

XIV

Lu laccu te lu Pascià

Chiama pe nnome civili e ssurdati:
“Stu giurnu” dice “cu nu llu scurdati.”.
Spàrane a ssarve tutti li cannoni,
sventula la bandiera a lli pennoni.

“Domineddiu ttocca ringrazziati!
Ca qui ddhu te li Turchi v’a ssarvati.”:
papa Lisandru cu ccanti e ccu ssoni
a mmissa chiama li fiacchi e lli bboni.

Addhunca corpisciàu lu cannone
quandu ca spriculàu l’Ottumanu,
a vvinti metri forsi sine e nnone

te la Porta rimasta te Corianu,
bbriu lu fricciu, restàu sconcatu,
‘Laccu te lu Pascià’ vinne chiamatu.

La pozza del Pascià. Chiama per nome civili e soldati:/ “Questo giorno” dice “non dovete dimenticarlo”./ Sparano a salve tutti i cannoni,/ sventola la bandiera sui pennoni.// “Domineddio dovete ringraziare!/ Perché Lui vi ha salvato dai Turchi.”:/ don Alessandro con canti e suoni/ chiama alla messa i cattivi ed i buoni.// Dove esplose la cannonata/ allorché disintegrò l’Ottomano,/ a circa venti metri forse// dalla Porta rimasta (oggi) di Corigliano,/ aprì il terreno roccioso, creò una voragine,/ ‘Pozza del Pascià’ venne chiamato (quel luogo).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...