Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Corianu e lli Turchi (parte ottava)

di Franco Melissano

XV

Libbertà!

Sulu lu giurnu dopu, te matina,
li Turchi se ne scira versu Otràntu:
nun c’era cu tte fiti mancu tantu,
ttoccava quarchetunu lli petina.

Mandàu don Frangiscu na decina
cu ll’ordine e llu ’ncàricu surtantu
cu ssècuta lu Turcu fincattantu
nu llassa la contrata e nnu scunfina.

Ncertatu ca lu Turcu se ne sciu,
te lu castieddhu lu purtone abbriu.
Comu quandu ca rriva primavera

se sveja tutta quanta la natura,
ogni animale torna a ll’aria pura,
cussì li Corianesi fore essera.

Libertà. Soltanto il giorno dopo, al mattino,/ i Turchi se ne andarono verso Otranto:/ non c’era nemmeno da fidarsi tanto,/ era necessario che qualcuno li pedinasse.// Don Francesco mandò una decina (di uomini)/ con l’ordine e la consegna soltanto/ di seguire il Turco fino a quando/ non avesse lasciato la contrada e sconfinato.// Accertato che il Turco se n’era andato,/ aprì il portone del castello./ Come quando giunge primavera// si risveglia tutta quanta la natura/ torna ogni essere animato all’aria pura,/ così i Coriglianesi uscirono all’aperto.

XVI

Specchia Mullone

Quiddhi ca scira sutta lli Sipati
nu munticeddhu pòttera vitire
te pèntimi e tte petre nculumati:
smammàra, nu ssapiane cce dire.

“Cici, Tore, fusciti, scia’ cchiamati
lu Te li Monti, quiddhu ave bbenire.
Stàtive manzi! Queti, nu ttuccati!
Ca cciave sutta nu sse po’ sapire.”

Sapìti mo’ ce bbera ddhu culume?
Era la tomba te ddhu capitanu
mortu nnanzi lla porta te Corianu.

‘Specchia Mullone’ li mìsera nume.
Addhai dice leggenda, ci crititi,
a n’addhu pizzu la minte l’Arditi.

Specchia Mullone. Quelli che andarono giù verso i Sipati (località posta a sud ovest di Corigliano)/ poterono vedere una montagnola/ di grossi massi e di pietre ammucchiati:/ rimasero di stucco, non sapevano che dire.// “ Luigi, Salvatore, correte, andate a chiamare/ il De’ Monti, lui deve venire./ Statevi fermi! Quieti, non toccate!/ Perché cosa vi sia sotto non si può sapere.”// Sapete adesso cos’era quella specchia?/ Era la tomba di quel capitano/ morto davanti alla porta di Corigliano.// ’Specchia Mullone’ le misero nome./ Lì dice la leggenda, se ci credete,/ da un’altra parte la colloca l’Arditi (Giacomo).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...