Poesie

Retupede

di Giusy Agrosì

Giuseppe Diso Figura della memoria olio su cartone telato, 1995

E abbri ddha finescia
Tantu la sacciu ca stai rretu li lustri
Ce te disce la capu ?
Me lassi a mie
Cu critu a fessa menzu la via!

Fanne te visciu
Nu minutu sulu
Ca senza l’occhi toi belli
Me sentu de murire …

Ninella
Amore meu
La sacciu
Forse sbajai
Me tentara tante ddhe fiate
Ca poi …
Cappai !

Ninella
Aggiu capitu
Nu me oi cchiui
Allu cumentu me rritiru
Se tie me neghi moi lu core tou

Sciamane ciucciu
Lemmi lemmi
Perdutu aggiu
L’amore meu
Pe na lusciata
Rretu nu mbracchiu
Cu ddha luna nfame !

Tira u trajnu alla nchianata
Ca chiangu malasorte
Sunnannu le carni janche
De la Ninella mia
E monacu me fazzu
Pe sventura

Ciucciu’,
Nu te mintire puru tie
Ca fasci u retupede
Destinu ose pe mie triste ventura
È giustu moi cu pagu tradimentu

Aggiu capitu
È quistu segnu de Ddiu
Turnamene allu paese
Alla Ninella mia
La imploru me perduna
Cu pozzu a iddha turnare

Oh madre! Che turmento !
Ninella abbri sti lustri
Scordate de prima
Lu core lassa parlare !
Regalame pietà
Ca jeu te voju amare.

Oh madre! Che turmentu !

Un pensiero riguardo “Retupede”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...